25 marzo 2015

Antidepressivi e Infertilità Maschile




Antidepressant-associated changes in semen parameters. (2007)
Adverse effect of paroxetine on sperm. (2010)
Deleterious effects of selective serotonin reuptake inhibitor treatment on semen parameters in patients with lifelong premature ejaculation. (2012)

Semen abnormalities with SSRI antidepressants. (2015)




 
Urology. 2007 Jan;69(1):185.e5-7.

Antidepressant-associated changes in semen parameters.

Cambiamenti nei parametri seminali associati ad antidepressivi.

Autori: Tanrikut C, Schlegel PN

Abstract

Descriviamo 2 casi di pazienti riguardo la valutazione dell'infertilità maschile che avevano variazioni farmacologiche associate ad antidepressivi nella ​​motilità e/o concentrazione degli spermatozoi. L'esame fisico e i risultati di studio endocrinologico erano ordinari in ciascun caso. L'analisi dell'iniziale campione spermatico rivelava oligospermia, motilità alterata, e morfologia anormale in ogni paziente mentre stavano prendendo inibitori della ricaptazione della serotonina. Analisi spermatiche ripetute effettuate da 1 a 2 mesi dopo la sospensione degli antidepressivi hanno dimostrato notevoli miglioramenti nella concentrazione spermatica e nella motilità.

www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17270655





Rischio infertilità per gli uomini che assumono uno dei piu' comuni antidepressivi: la paroxetina.

A mettere in dubbio la sicurezza di questo tipo di farmaco uno studio realizzato negli Stati Uniti i cui risultati sono stati anticipati dalla rivista New Scientist. Lo studio, realizzato da ricercatori della Cornell University ha infatti rilevato che maschi sani che assumono per 5 settimane una dose giornaliera di questo farmaco hanno un alto livello di spermatozoi danneggiati a livello di Dna rispetto a quelli che invece non assumono questo antidepressivo.

Alla prova del microscopio i campioni prelevati ai 35 volontari prima e dopo la terapia a base di paroxetina non hanno mostrato significative differenze. Quando però i ricercatori sono passati ad analizzare la struttura genetica degli spermatozoi, hanno riscontrato problemi in ciascuno dei 35 campioni prelevati durante la terapia antidepressiva, ovvero frammentazione anormale del DNA degli spermatozoi. Non solo, ma il tasso di cellule con Dna frammentato nel corso della terapia è aumentato passando dal 13,8 per cento della prima settimana al 30,3 della quarta.



Studio di riferimento:

Fertil Steril. 2010 Aug;94(3):1021-6. doi: 10.1016/j.fertnstert.2009.04.039. Epub 2009 Jun 10.

Adverse effect of paroxetine on sperm.

Effetto avverso della paroxetina sullo sperma.

Autori: Tanrikut C, Feldman AS, Altemus M, Paduch DA, Schlegel PN.

Abstract

Per valutare gli effetti di un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina sui parametri seminali.
Studio prospettico su 35 volontari maschi sani, 16-65 anni di età.
Somministrazione di paroxetina per 5 settimane.
Analisi su: livelli sierici ormonali, analisi dello sperma, percentuale di frammentazione del DNA spermatico, e questionario di valutazione della funzione sessuale valutata prima, durante e un mese dopo la somministrazione del farmaco.
Negli uomini con parametri seminali normali, la paroxetina ha indotto frammentazione anormale del DNA degli spermatozoi in una percentuale significativa di soggetti, senza un effetto misurabile sui parametri seminali. Il potenziale di fertilità di un numero considerevole di uomini sotto paroxetina può essere negativamente influenzato da questi cambiamenti nella integrità del DNA spermatico.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19515367





Gli inibitori del re-uptake della serotonina (SSRIs) come la fluoxetina, la sertralina, la paroxetina e il citalopram, molto utilizzati nelle sindromi depressive, vengono utilizzati anche per il trattamento della eiaculazione precoce. Ma proprio dagli andrologi giunge un allarme: l’utilizzo degli SSRIs, che già sappiamo non essere privo di effetti collaterali quali stanchezza, nausea, vomito, secchezza in gola e diarrea almeno nei periodi iniziali, può provocare diminuzione della libido, anorgasmia, aneiaculazione e disfunzione erettile e, secondo quanto riferisce una recente review (2012), gravi danni alla funzione degli spermatozoi ed alla fertilità. In particolare vengono colpiti la quantità, la motilità e la morfologia degli spermatozoi e sono stati osservati danni significativi al DNA dello sperma in pazienti che abbiano utilizzato gli SSRIs per più di sei mesi. Molti studi hanno confermato questi dati e i danni sembrano in rapporto alla durata dell’utilizzo. La causa è probabilmente da ricercare nell’interferenza della serotonina sulla secrezione di prolattina e di dopamina. Lo studio è stato effettuato da andrologi che si riferiscono soprattutto al problema dell’eiaculazione precoce, e sembra che un’interruzione della terapia provochi un miglioramento dei parametri del seme, ma è importante avere a mente il problema, in considerazione del notevole numero di soggetti giovani, in età fertile, che sono in terapia con gli SSRIs per sindromi depressive.


Studio di riferimento:

Int J Impot Res. 2012 Sep;24(5):171-3. doi: 10.1038/ijir.2012.12. Epub 2012 May 10.

Deleterious effects of selective serotonin reuptake inhibitor treatment on semen parameters in patients with lifelong premature ejaculation.

Effetti deleteri del trattamento con inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina sui parametri spermatici nei pazienti con eiaculazione precoce cronica.
 
Autori: Koyuncu H, Serefoglu EC, Ozdemir AT, Hellstrom WJ.


Abstract

L'eiaculazione precoce (EP), la disfunzione sessuale più comune negli uomini, è caratterizzata da perdita o mancanza di controllo eiaculatorio. La EP può essere classificata come una condizione cronica o acquisita. Sebbene la prevalenza di EP cronica è piuttosto bassa nella popolazione generale maschile, studi recenti hanno dimostrato che i pazienti che cercano il trattamento per la loro eiaculazione precoce riferiscono principalmente una EP cronica. Sebbene nessun farmaco per la EP è stato approvato da organismi di regolamentazione, gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) hanno dimostrato di essere efficaci nel trattamento della EP cronica. Nonostante l'uso crescente e gli effetti noti degli antidepressivi sull'eiaculazione, solo pochi studi hanno valutato l'impatto di questi farmaci sulla fertilità maschile. Pertanto, l'obiettivo di questa revisione è quello di valutare gli effetti dell'efficacia e quelli negativi degli SSRI sui parametri seminali dei pazienti con EP cronica, nonché per valutare la sicurezza di questo trattamento tra le coppie sessualmente attive che desiderano avere un figlio.


http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22573230 




Prescrire Int. 2015 Jan;24(156):16-7.

Semen abnormalities with SSRI antidepressants.

Anomalie dello sperma con antidepressivi SSRI.
 

Abstract

Nonostante decenni di uso diffuso, il profilo degli effetti avversi degli inibitori "selettivi" della ricaptazione della serotonina (SSRI) non è ancora stato completamente chiarito. Studi condotti su animali maschi hanno mostrato sviluppo sessuale ritardato e ridotta fertilità. Tre studi di coorte prospettici condotti in più di un centinaio di pazienti esposti a uno SSRI per periodi che vanno da 5 settimane a 24 mesi hanno trovato parametri alterati dello sperma dopo appena 3 mesi di esposizione: ridotta concentrazione degli spermatozoi, ridotta motilità degli spermatozoi, una percentuale più alta di spermatozoi anormali, e aumento dei livelli di frammentazione del DNA spermatico. Uno studio clinico ha mostrato ritardo della crescita nei bambini considerati depressi che sono stati esposti a SSRls. Gli SSRls possono avere proprietà di interferente endocrino. La dapoxetina è un inibitore della ricaptazione della serotonina a breve durata d'azione che è chimicamente correlato a fluoxetina e commercializzato nell'Unione europea per gli uomini che soffrono di eiaculazione precoce. Ma il corrispondente bugiardino europeo delle caratteristiche del prodotto non menziona nessun effetto sulla fertilità. In pratica, sulla base dei dati disponibili a partire da metà 2014, gli effetti dell'esposizione a SSRI sulla fertilità maschile non sono chiari. Tuttavia, si tratta di un rischio che dovrebbe essere preso in considerazione e ha sottolineato ai pazienti di sesso maschile che desiderano un figlio o che stanno vivendo problemi di fertilità.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25729824





Parole chiave: antidepressivi, SSRI, effetti collaterali, sperma, DNA, spermatozoi, fertilità maschile, infertilità, sterilità, impotenza

Nessun commento:

Posta un commento