10 giugno 2019

Dailymail: Come le pillole per la depressione possono distruggere la tua vita sessuale: nuovo avvertimento per i pazienti (11 giugno 2019)

Come le pillole per la depressione possono distruggere la tua vita sessuale: nuovo avvertimento per i pazienti

Jo Waters

10 giugno 2019, Dailymail 



Aggiornamento: L'Agenzia europea dei medicinali ha annunciato di stare ora avvisando che un gruppo di pillole per la depressione comunemente prescritte - vale a dire, inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) - dovrebbe portare avvertimenti sul rischio di disfunzioni sessuali durature a lungo termine


I problemi sessuali sono un noto effetto collaterale delle pillole per la depressione, ma molti pazienti colpiti dicono che essi non erano stati adeguatamente avvertiti dai loro medici.

Peggio ancora, per alcuni, questi problemi possono durare per anni, anche dopo che hanno dismesso le loro medicine.

Tuttavia, i sostenitori di queste campagne dicono che i reclami dei pazienti sono in gran parte caduti nel vuoto, con la professione medica e le case farmaceutiche che affermano che i sintomi non erano collegati alle compresse o che assicuravano che i loro problemi scomparissero una volta smesso di prenderli.

Ma oggi, in una vittoria per questi stessi pazienti e per il Daily Mail, l'Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha annunciato che ora sta raccomandando che un gruppo di pillole per la depressione comunemente prescritte - vale a dire gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) - dovrebbe portare avvertenze sul rischio di disfunzioni sessuali durature a lungo termine.

Al momento, i foglietti informativi degli SSRI per i pazienti mettono in guardia sulla possibilità di problemi sessuali a breve termine, ma non riferiscono che possano esserci problemi a lungo termine o che questi possano persistere anche dopo che il farmaco è stato sospeso.

La mossa dell'EMA è stata accolta con favore da pazienti ed esperti che li hanno sostenuti - spiega Katinka Blackford Newman, documentarista e autrice di The Pill That Steals Lives: "La decisione dell'EMA aiuterà a ottenere queste informazioni sul rischio di problemi sessuali - a breve ea lungo termine - là fuori. Questa è una vittoria per gli attivisti, che hanno fatto pressioni così forti su questo".

Ha aggiunto: "È stato fantastico che il Daily Mail abbia ascoltato storie di persone che hanno sofferto a causa dell'uso di antidepressivi. Sono incredibilmente grata al giornale per aver avuto il coraggio di pubblicizzare questi problemi, nel momento in cui ai pazienti veniva detto che i problemi sessuali erano dovuti alla loro malattia depressiva e non alle pillole."

Gli SSRI sono prescritti a circa cinque milioni di cittadini britannici per depressione e ansia. Includono paroxetina (marchi: Paxil, Seroxat), fluoxetina (Prozac), sertralina (Zoloft), citalopram (Celexa), escitalopram (Lexapro) e vortioxetina (Trintellix).

Questi farmaci sono un salvavita per molte persone. Tuttavia, il rischio di problemi sessuali è stato minimizzato o ignorato, dicono gli attivisti - uno studio del 2001 ha stimato che il 50% di coloro che assumono SSRI sono in qualche misura colpiti, sebbene i fogli illustrativi suggeriscano che solo il 10% sperimenta una perdita temporanea della funzione sessuale.

Non è stato riconosciuto il rischio di problemi a lungo termine e, talvolta, permanenti. I sintomi della disfunzione sessuale post-SSRI (PSSD) includono incapacità di eccitarsi o orgasmo, intorpidimento e perdita di sensibilità genitale, disfunzione erettile ed eiaculazione precoce.

Si tratta di un problema che Good Health ha riportato ampiamente, come parte della nostra campagna per un maggiore supporto ai pazienti colpiti dai loro farmaci da prescrizione.

Lo sapevi? I sintomi della disfunzione sessuale post-SSRI (PSSD) includono incapacità di eccitarsi o di raggiungere l'orgasmo, intorpidimento e perdita di sensibilità genitale, disfunzione erettile ed eiaculazione precoce


Uno che ha sofferto di problemi sessuali a causa di pillole per la depressione è Kevin Bennett. Gli furono prescritti SSRI per quattro mesi all'età di 18 anni.

Ora 41, Kevin, che è single e un operatore di supporto per le persone disabili a Surrey Hill, nella contea di Durham, è diventato impotente in pochi giorni di assunzione di SSRI per l'ansia dopo aver abbandonato i suoi livelli A. 'Ho continuato ad aspettare che tutto tornasse alla normalità dopo aver smesso di prenderli, ma non è mai successo', dice.

Un medico di medicina generale gli disse che era un sintomo di depressione e che non avesse niente a che fare con il farmaco.

'Non sono tornato a vederlo di nuovo fino a quando avevo 26 anni', dice Kevin.

"Non ho fatto sesso di nuovo fino a 27 anni dopo che mi hanno prescritto iniezioni di un farmaco chiamato alprostadil per aiutarmi a ottenere l'erezione." Kevin ha fatto indagini con due urologi e alla fine ha concluso che i suoi problemi non potevano essere attribuiti a nient'altro che all'assunzione di SSRI.

"Se avessi saputo che gli SSRI avrebbero rovinato definitivamente la mia vita sessuale, non li avrei mai presi. Le persone hanno bisogno di sapere a cosa si stanno mettendo a rischio ".

L'annuncio EMA segue una petizione del gruppo di pazienti RxISK, che si batte per evidenziare effetti collaterali dannosi. La petizione richiedeva che tutti gli SSRI portassero avvertimenti sulla disfunzione sessuale.

David Healy, professore di psichiatria alla Bangor University e fondatore di RxISK, afferma che la decisione dell'agenzia riflette il crescente riconoscimento del danno che gli SSRI possono causare.

"Abbiamo presentato una petizione all'EMA e alla Food & Drug Administration degli Stati Uniti un anno fa, chiedendo che questi effetti collaterali fossero menzionati sui foglietti illustrativi dei farmaci", dice.

"Esistono prove convincenti che gli SSRI possono causare disfunzioni sessuali durature ma, al momento, questo non è menzionato sulle etichette dei farmaci o su uno qualsiasi dei foglietti informativi.

"Entro mezz'ora dall'assunzione di SSRI, i pazienti hanno riportato intorpidimento genitale - che può essere lieve o piuttosto marcato; ma non è stato segnalato abbastanza.

"Il messaggio generale dei medici è stato che questo è accaduto a una minoranza di persone - cinque su 100 in studi clinici - e che questi problemi sessuali erano a brevissimo termine.

"Un altro argomento era che le persone depresse tendono a perdere il loro desiderio sessuale in ogni caso - ma nei dati sui trial sui farmaci a cui ho avuto accesso come testimone esperto, anche i volontari sani che hanno assunto il farmaco hanno riportato problemi con il loro desiderio sessuale, e questo è senza suggerimenti."

Il professor Healy dice che, nel 1991, un medico ha scritto all'Agenzia di regolamentazione dei prodotti medici e medicinali (MHRA), l'organismo di controllo britannico per medicinali e dispositivi medici, riportando un caso di disfunzione sessuale post SSRI.

"Agli inizi degli anni 2000, c'era un certo numero di segnalazioni di casi da parte di medici stessi che avevano vissuto i problemi - e avevano ancora difficoltà sessuali dieci anni dopo aver interrotto i loro SSRI", dice il professor Healy.

"Sappiamo che bloccare le correnti di sodio (che fanno tutti gli SSRI) può causare intorpidimento genitale. Non sappiamo perché gli effetti diventano duraturi in alcuni.

"A volte alle persone viene detto che è il loro disturbo dell'umore che ritorna - ma, se ti riprendi dalla depressione, il tuo desiderio sessuale e la capacità di raggiungere l'orgasmo ritornano. Eppure, dopo aver preso gli SSRI, questo non sempre si verifica ".

Un altro problema che gli attivisti ritengono sia associato al farmaco, è il disturbo dell'eccitazione genitale persistente, riportato per la prima volta nel Journal of Sex & Marital Therapy nel 2008. Il professor Healy afferma che RxISK ha ricevuto segnalazioni di problemi sessuali a lungo termine dopo aver assunto SSRI da 500 pazienti.

Dice: "Numeri enormi sono potenzialmente interessati da questi effetti collaterali. Circa sette milioni di persone sono affette da antidepressivi, per lo più SSRI, e l'80% da questi da più di un anno - e non sappiamo quanti di loro avranno mai la loro normale funzione sessuale.

"Alcuni potrebbero non aver fatto il collegamento tra i farmaci e i loro sintomi, e sono stati informati che i loro problemi sessuali sono un segno del ritorno della loro depressione".

Il professor Healy aggiunge: "La mia più grande preoccupazione in questo momento è per gli adolescenti. A così tanti vengono prescritti antidepressivi e potrebbero non sapere mai quale sia la normale funzione sessuale".

Il professor Healy ha elogiato il Daily Mail per mettere in evidenza i problemi associati agli SSRI, inclusi i sintomi di astinenza e la dipendenza.

"Il Daily Mail ha fatto più di ogni altro giornale per evidenziare questi problemi e ha fatto una campagna più efficace su questo. Ha ascoltato i pazienti quando la professione medica diceva "no".

Katinka Blackford Newman, che ha sperimentato disfunzioni sessuali a breve termine durante l'assunzione del farmaco, aggiunge: "All'epoca mi sentivo totalmente miscredente, ma il fatto che il Daily Mail mi credesse mi ha dato la sicurezza di fare campagna per aiutare gli altri."

"Conosco molti che hanno sofferto di problemi sessuali a lungo termine dopo aver assunto antidepressivi - ci sono stati persino suicidi a causa di ciò. Un uomo ha lasciato un appunto dicendo che stava per finire la sua vita perché non poteva più fare sesso dopo aver preso gli SSRI."

Un uomo che ha parlato a Good Health a condizione dell'anonimato ha detto di aver avuto problemi solo 48 ore dopo la sua prima dose di SSRIS, sviluppando intorpidimento genitale - sette anni dopo, la sensazione non è ancora tornata.

"È stato come perdere uno dei miei sensi da un giorno all'altro", ricorda il giardiniere paesaggista di 31 anni del Lincolnshire. "Ho smesso di prendere le pillole, ma il mio medico mi ha persuaso a ricominciare da capo, dicendomi che quello che vivevo non era connesso. Mi ci sono voluti tre anni per convincere chiunque a prendermi sul serio. Non sono più in grado di provare amore o legami emotivi o di essere sessualmente eccitato."

"È disgustoso che questi effetti collaterali siano stati trascinati sotto il tappeto per così tanto tempo."


Fonte: https://www.dailymail.co.uk/health/article-7125745/How-depression-pills-wreck-sex-life.html