4 luglio 2014

SSRI e Relazioni Sentimentali



Articolo da "Men's Health": 
La pillola che uccide il tuo desiderio sessuale  

Di  Paul John Scott25 aprile 2014





Katherine Sharpe non saprà mai cosa abbia causato la fine della sua prima relazione seria. E ancora si cruccia. Quello che sa è che nel corso del tempo, il suo desiderio fisico per l'uomo dei tempi del college ha cominciato ad appassire. E come lei sottolinea, "il sesso all'interno di una relazione stabile a volte è il collante che tiene insieme le persone." Ammette anche che la fiamma si sarebbe potuta spegnere per conto proprio. Ma c'è un'altra ragione per cui la storia d'amore può essere precipitata, dice la 34enne. Il suo destino potrebbe essere stato segnato da un farmaco di cui non ha mai avuto davvero bisogno, in primo luogo.

"Il farmaco sicuramente ha diminuito il mio interesse per il sesso", dice Sharpe, autrice di "Coming of Age in Zoloft". Le furono dati antidepressivi dopo una visita al centro salute del campus per parlare della sua ansia, una normale parentesi di angoscia che ora vede come minore. "Non saprò mai quale ruolo abbia giocato il farmaco", dice, chiaramente alle prese con il pensiero. "Non mi piace dovermi chiedere questo. Siamo usciti per due anni, un lungo periodo quando si hanno 18 anni. È stato il mio primo amante. Eravamo pazzi l'una dell'altro. Vorrei poter essere certa che la storia fallì interamente sulla base delle proprie ragioni."

Ho avuto lo stesso problema. Quando ero su Zoloft per due anni nei miei primi anni 30, il sesso è diventato come una gara podistica con stivali da motoslitta. Il farmaco alleviava le mie ansie durante il giorno ma le riportava a letto. Questi sono effetti collaterali ben noti, ma si scopre che l'orgasmo ritardato e perdere la voglia sono solo due dei tanti modi con cui gli antidepressivi possono ostacolare il romanticismo. Questi farmaci fanno il loro lavoro nel cervello, ed è per questo che possono influenzare non solo le erezioni, ma anche l'affetto, la connessione, l'amore e l'attaccamento. Che ti possono lasciare a domandarti se l'indifferenza del tuo amante deriva dal suo cuore, dalla sua testa, dai suoi medicinali, o da un miscuglio di tutti e tre.

Viviamo nell'era del quartetto: tu, lei, e i vostri rispettivi farmacisti. Con le medicine dell'umore, un vero e proprio rito di passaggio per molti nati dopo, diciamo, il 1980, tanti hanno conosciuto solo il sesso influenzato
farmacologicamente. Molti introducono farmaci nell'ambito di rapporti funzionanti ma difficili, senza alcuna idea del loro costo. Altri ancora possono essere gli effetti sul sentimento che indugiano dopo che i farmaci hanno lasciato il loro sistema.

Questa non è una diatriba contro i farmaci per risollevare l'umore. La gente li prende per buone ragioni. Se la tua ragazza sta cercando di rimettersi, è un segno di maturità cercare aiuto. Se si vogliono affrontare i problemi senza perdersi nel lavoro, nella vita notturna, nel sesso, o nella vodka, è un segno di coraggio. Ma l'eredità generazionale della nostra storia d'amore con gli antidepressivi sta solo adesso diventando evidente, e gli "effetti collaterali" di questi farmaci possono comprendere tutto, dal diffuso stato di single, agli eccessi che distruggono l'anima della cultura della porno dipendenza, ai problemi di troppi amici che offrono troppi vantaggi.

Con così tante nuove incognite, vale la pena imparare ciò che gli antidepressivi possono significare per la capacità di amare un'altra persona, e mostrare questi sentimenti in camera da letto. È una pillola felice, o qualcos'altro?

A partire dagli anni '90, una nuova generazione di antidepressivi è stata più aggressivamente commercializzata ad una popolazione più ampia. Il principale e di maggior successo gruppo-bersaglio di queste campagne sono le donne. Secondo i dati del
National Health and Nutrition Examination Survey, le donne hanno 2 1/2 volte più probabilità di prendere antidepressivi rispetto agli uomini. E con 264 milioni di prescrizioni di antidepressivi scritte nel 2011, gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), tra cui Celexa, Zoloft, Prozac, e Lexapro, sono alcuni dei farmaci più prescritti nella nazione.

I ragazzi del college sono presumibilmente un picco demografico. Audrey Bahrick, Ph.D., un ricercatore sugli effetti collaterali sessuali di SSRI e psicologo presso il
servizio di consulenza dell'University of Iowa, dice ch il 20-30 per cento degli studenti che arrivano al servizio stanno già assumendo farmaci psicotropi. "Un altro 20 per cento sceglie di iniziare il farmaco durante il corso della terapia, così degli studenti universitari in cerca di aiuto, circa il 50 per cento sono su un farmaco psicotropo."

Come funzionano questi farmaci? Gli SSRI aumentano la disponibilità di serotonina, anche se non è chiaro se l'aumento di serotonina sia la ragione dell'efficacia dei farmaci. (Contrariamente alle pretese di marketing, le persone depresse non hanno uno "squilibrio chimico" da bassa serotonina.) L'efficacia dei farmaci potrebbe essere dovuta all'effetto placebo, o ad effetti sedativi lievi, o per lievi proprietà energizzanti sulla mente. Ma la domanda più importante è questa: In cosa i farmaci sono migliori - a migliorare la depressione o a disturbare la funzione sessuale?

La ricerca rileva che solo circa la metà dei pazienti risponde al trattamento antidepressivo, e anche proprio tra coloro che ne beneficiano, potrebbe esserci un significativo effetto placebo da considerare, un sorprendente 82 per cento, secondo un' analisi dei dati presso l'Università del Connecticut. I ricercatori ipotizzano che se questi due risultati sono cumulativi, il beneficio specifico del farmaco sul paziente può essere "clinicamente trascurabile."


La percentuale di utenti di SSRI che prendono un brutto colpo alla libido, tuttavia, può essere significativo. "Penso che possiamo essere certi che la maggioranza sarà influenzato da effetti collaterali sessuali, forse all'incirca tra il 50 e il 70 per cento delle persone che li assumono", dice Bahrick. In un recente studio iraniano, i ricercatori hanno concluso che gli effetti collaterali sessuali colpiscono il 75 per cento di persone che utilizzano SSRI. Un altro studio ha trovato l'effetto nel 98 per cento. È un punteggio quasi perfetto esattamente per la cosa sbagliata.

Fino a poco tempo fa i bugiardini di questi farmaci hanno riportato un rischio molto più basso. Secondo una ricerca condotta da Bahrick, molti foglietti illustrativi degli SSRI indicano che gli effetti collaterali sessuali riportati negli studi clinici interessano 2-16 per cento degli utenti, ma potrebbe essere una sottostima. Come fa il 16 per cento saltare al 70 per cento? Negli studi clinici iniziali, i pazienti non sono stati direttamente interrogati circa il loro funzionamento sessuale. Si supponeva che
essi dovessero avanzare per conto proprio l'imbarazzante discorso dei problemi sessuali in cui si stavano imbattendo.

A Kara (non è il suo vero nome), studentessa di 22 anni nello stato di Washington, è stato prescritto Cymbalta all'età di 18 anni per la depressione. Ha poi preso Zyprexa, Lexapro, Remeron, Pristiq, e poi Prozac. Inizialmente aveva notato un effetto mentre era su Lexapro, con la masturbazione "avevo l'orgasmo più debole di sempre", e "l'intorpidimento totale della mia vagina." Anche il suo legame emotivo con gli amanti si era rotto. "Ho avuto due fidanzati a lungo termine che ho veramente amato", dice. "Non appena ho iniziato a prendere Lexapro, c'era questa marcata diminuzione nella mia capacità di provare amore per loro e connessione con loro."

Bahrick pensa che gli effetti sulle donne non ricevono abbastanza attenzione. "Con gli uomini è più facile da valutare. Un uomo che non può più raggiungere l'erezione non può nascondere il fatto alla sua partner, ma la perdita di funzionamento sessuale di una donna è meno evidente, lei può scegliere di dare piacere, anche se non è in grado di ricevere piacere.
Questo potrebbe essere accettabile nel breve periodo, ma può logorarsi nel tempo".


Come dice Kara, "Io non so se sono più capace di innamorarmi. La funzione non è lì. Come per il sesso, non riesco a sentire niente e semplicemente mi trovo lì come una bambola del sesso. Che non è divertente per me."

Tale effetto paralizzante è successo a un uomo che chiamerò Rob, un gestore di proprietà immobiliare che è andato su Lexapro. Ora, a 41 anni, ricorda che sarebbe potuto essere felicissimo di accettare il suo pessimo stato d'animo se avesse potuto riacquistare la sua libido, dopo aver abbandonato il farmaco. Quando gli fu offerto il medicinale, lui pensò, "Perché no, che cosa ho da perdere?'", Dice. C'era tanto, come si è scoperto. "Per circa un anno ha funzionato molto bene", ricorda. Certo, la sua libido si era abbassata, ma in un primo momento non gli importava. "Onestamente, è stato utile, perché ero così ipersessuale prima di allora", dice.


Ma dopo un anno il farmaco ha smesso di funzionare, così Rob ha deciso di smettere di prenderlo. Quando lo fece, scoprì che la sua funzione sessuale era rimasta in pausa-per cinque anni. Una volta, nel suo primo ritorno alla camera da letto con una donna che gli piaceva, si trovò a lottare per raggiungere una mezza erezione. Quando divenne chiaro che non poteva eseguire la performance, "lei molto allegramente si alzò e disse che stava per andare a dormire nella camera degli ospiti", dice. " Se ne andò per finire da sola, e mi ricordo che io stavo lì a pensare, 'Wow, quanto brutta è diventata la mia vita?'"

"C'è una parte di persone per le quali il cambiamento sembra essere permanente", dice David Healy, medico, autore di Pharmageddon e fondatore del database di effetti collaterali dei farmaci Rxisk.org. I resoconti di disfunzione sessuale post-SSRI (PSSD, in breve) stanno diventando più comuni, e le condizioni sono state segnalate in alcune riviste mediche. Il Prozac ora riporta il seguente avvertimento inquietante: "I sintomi della disfunzione sessuale occasionalmente persistono dopo l'interruzione del trattamento con fluoxetina."
 

Per fortuna, la PSSD non è la norma. Il desiderio di Katherine Sharpe ha raggiunto il picco quando ha smesso la sua pillola, e Rob è ora in una relazione felice. Nel caso in cui ve lo stiate chiedendo, mi sono tolto i miei stivali da motoslitta in camera da letto. Ma le domande restano terribili: Come può una classe di farmaci spegnere zone del piacere tanto importanti? Come possono diminuire uno degli aspetti più essenziali dell'essere umano?

Come spesso accade, le sostanze chimiche che ammanettano la lussuria sono le stesse che rendono la vita piacevole. Gli antidepressivi possono interferire con l'ossido nitrico, una molecola del sangue che rilassa la muscolatura liscia e innesca la congestione dei vasi sanguigni di pene, capezzoli e clitoride durante il sesso. I farmaci influenzano anche il modo di pensare, sentire e relazionarsi agli altri. Con l'aumento della serotonina, gli SSRI sovraccaricano i recettori progettati per mantenere alta l'attività della dopamina. Ciò significa meno dopamina tra i neuroni che fungono da percorsi di ricompensa del cervello. È questo neurotrasmettitore che rende possibili i pensieri come "voglio lei", "ho bisogno", e anche "io amo lei". L'esaurimento della dopamina potrebbe falsare, ritardare, o destinare le relazioni.

L'effetto ha un nome clinico: ottundimento emotivo. Abbiamo saputo dalla fine degli anni '80 che gli antidepressivi e antipsicotici (come Seroquel, Zyprexa, Abilify e Risperdal) possono indurre l'apatia e l'indifferenza. L'ottundimento emotivo può essere utile nel ridurre i sentimenti di tristezza nella depressione, la paura e l'ansia. Ma l'ottundimento diminuisce anche il tipo di emozioni positive necessarie a effettuare una vera e propria connessione con un partner romantico.

In uno dei primi resoconti di ottundimento emotivo, nel British Journal of Psychiatry nel 2009, i ricercatori dell'Università di Oxford, in Inghilterra, hanno trovato gli effetti degli SSRI su 38 utenti. Gli scienziati hanno scoperto che "alcuni partecipanti sentivano amore o affetto ridotto verso gli altri e, in particolare, attrazione ridotta verso il loro partner." Hanno inoltre scoperto che l'uso di SSRI può causare "distacco emotivo dalle altre persone, e ridurre la preoccupazione per i bisogni degli altri." Gli utenti di SSRI possono anche essere meno efficaci nell'indicare i propri errori di giudizio.

Per esempio, dopo solo una settimana sul farmaco
Celexa, anche le persone che non sono depresse diventano meno competenti a rilevare le emozioni negative nelle immagini facciali, come un altro studio di Oxford ha rilevato. Il biologo evoluzionista Helen Fisher, Ph.D., che ha scritto circa l'impatto degli SSRI sulle relazioni, osserva:. "Quando si tratta di amore e attaccamento, si desidera che tutte le proprie abilità naturali siano al loro posto. Non le si vogliono smussate o alterate."

Fisher, che ha utilizzato le scansioni fMRI per identificare i sistemi cerebrali associati con il desiderio, l'amore romantico e l'attaccamento emotivo, è turbato circa l'ottundimento tra le persone che non soffrono di grave depressione cronica.

"E' una cosa perdere il desiderio sessuale. Ma quando si hanno rapporti sessuali aumenta il testosterone, e più testosterone fa venire voglia di avere più sesso, e fare sesso stimola i genitali, e la stimolazione dei genitali spinge il sistema della dopamina, che è necessario per spingere se stessi oltre la soglia e nell'innamoramento ", dice Fisher. Gli orgasmi guidano anche l'ossitocina e la vasopressina, spiega, "che aiutano a dare sentimenti di attaccamento emotivo."

Secondo Lauren Starr, portavoce di Pfizer, che produce Zoloft e Effexor, "depressione e disturbi d'ansia, con o senza trattamento, possono essere associati con la comparsa di eventi avversi come la disfunzione sessuale." (I creatori di Cymbalta e Lexapro si sono rifiutati di fare commenti per questo articolo. Il produttore di Paxil ha passato un link alle informazioni di prescrizione del farmaco.)

"La diminuzione del desiderio sessuale non è davvero un sintomo della depressione lieve", dice Stuart Shipko, medico psichiatra con sede a Pasadena, in California. "Tuttavia, la diminuzione del desiderio sessuale colpisce due terzi delle persone a cui viene prescritto un antidepressivo. La disfunzione sessuale causata dai farmaci è molto peggiore della disfunzione sessuale da depressione."

Dopo otto anni di antidepressivi, Sharpe si è fermata all'età di 26 anni. Sentiva che era nella fase sbagliata della vita per essere confusa su come si sentiva. "Il college è un tempo per capire chi sei, in che tipo di percorso desideri inserirti, e come percepisci le cose", dice. "Una delle cose cattive della sovradiagnosi dei giovani è che si dice che il modo di sentire è un errore, un prodotto di una malattia."

È anche un periodo in cui i giovani tradizionalmente cercano partner. "Stiamo vivendo in questo tempo in cui gli anni '20 sono diventati un momento di intensa indipendenza. Invece di fidanzarsi con qualcuno al college, sempre più persone vivono con amici e tardano a sistemarsi", dice Sharpe. "Mi chiedo se essere un pò depressi, avere un senso acuto della propria esigenza di comfort, mantiene in un rapporto. Se gli antidepressivi danno un modo per stare da soli, se sostengono questo stile di vita sociale indipendente ed egocentrico", dice.

Ma c'è un costo, dice Fisher. "Questo gioco d'amore conta davvero durante gli anni riproduttivi. Ci siamo evoluti con un numero enorme di meccanismi cerebrali per scegliere i partner che vogliamo. Se non senti niente per nessuno e vai da un legame all'altro, si possono deludere potenziali partner".

Inoltre, si può perdere l'occasione giusta. "Se non si dispone di alcun desiderio sessuale o non si può sentire alcuna emozione", dice Fisher, "come hai intenzione di rispondere alla ragazza carina in classe di algebra o in palestra? Questi farmaci non sono un free ride."



Fonte: http://www.menshealth.com/sex-women/pill-kills-your-sex-drive/

Nessun commento:

Posta un commento