28 ottobre 2014

Asessualità: un curioso parallelo


28 ottobre 2014, Rxisk.org

Nota Editoriale: Questo post è stato scritto da James Bennett che sta organizzando la ricerca RxISK sulla PSSD.

Negli ultimi due decenni c'è stata un'esplosione nel numero di bambini a cui sono stati prescritti una serie di farmaci che includono antidepressivi, antipsicotici e stimolanti.

C'è anche un aumento drammatico nel numero di bambini esposti a questi farmaci, specialmente antidepressivi, prima che nascessero. I medici spesso minimizzano il rischio di assunzione di farmaci durante la gravidanza, in particolare gli antidepressivi SSRI. Ma gli SSRIs possono causare difetti di nascita, e vi è un ampio corpo di prove che ora li collega ai disturbi dello spettro autistico.

Gli SSRIs hanno dimostrato aver un profondo effetto sula chimica cerebrale dopo solo una singola dose. Se vi prestano molta attenzione, quasi tutti coloro che prendono la loro prima dose di uno SSRI potranno constatare un certo grado di ridotta sensibilità genitale entro 30 minuti dall'assunzione della dose.

Se una donna incinta sta prendendo uno SSRI, così è per il bambino non ancora nato. E' anche importante notare che tutti gli antidepressivi si trasferiscono nel latte materno.

Un precedente articolo su RxISK scritto da Adam Urato, medico, ha discusso la crescente evidenza che collega l'uso di SSRI durante la gravidanza ad una serie di difetti di nascita, con crescente preoccupazione ed evidenza emergente che ci possono essere effetti neurologici e comportamentali a lungo termine. L'articolo può essere trovato qui, e vorrei incoraggiare chiunque sia interessato al tema di antidepressivi e gravidanza di leggerlo.


Implicazioni per la sessualità

Oltre l'effetto immediato e quasi universale di intorpidimento degli SSRIs, una percentuale molto elevata di uomini e donne che prendono questi farmaci sperimentano un certo grado di riduzione del funzionamento sessuale. In alcuni casi, questi effetti collaterali possono persistere anche dopo che i farmaci vengono arrestati, o, talvolta, possono iniziare improvvisamente con la sospensione del farmaco. Il problema può derivare da appena un paio di giorni di esposizione e può durare per anni o indefinitamente per alcune persone.

Quando il problema permane dopo il trattamento, questa nuova condizione si chiama Disfunzione Sessuale Post SSRI (PSSD), ed è stata trattata ampiamente su RxISK, tra cui l'annuncio di un nuovo sforzo di ricerca, che può essere trovato qui.

Un articolo pubblicato di recente
da RxISK su centoventi casi di disfunzione duratura (disponibile qui) si è aggiunto alla letteratura medica esistente sulla PSSD, e ha riportato effetti collaterali sessuali durevoli di una varietà di farmaci tra cui SSRIs, antipsicotici, finasteride (Propecia), e isotretinoina che viene utilizzata per il trattamento dell'acne. Ora abbiamo circa trecento casi.

Dato quello che sappiamo sui problemi sessuali duraturi causati dagli SSRIs, è ragionevole chiedersi come una esposizione prenatale o infantile potrebbe influenzare lo sviluppo e il funzionamento a lungo termine di una persona. Nessuno studio è mai stato fatto per verificare se i bambini esposti a farmaci psicotropi, o direttamente, o durante la gravidanza, crescano avendo una sessualità inalterata.

L'unica ricerca che è stata fatta ha usato animali. Tutti gli studi riportati fino ad oggi hanno dimostrato che i roditori esposti a SSRIs durante la gravidanza o in giovane età, hanno mostrato ridotto interesse e comportamento sessuale da adulti.

Vi è una chiara implicazione che abbiamo potuto vedere la nascita di un grande gruppo di persone la cui percezione della sessualità è molto diversa. Un gruppo di persone che non può capire cosa significhi essere sessualmente attratti da qualcuno.

Come potrebbero vivere in un mondo con persone che sperimentano tutte sentimenti per i quali loro non avrebbero un quadro di riferimento, è un settore inesplorato.

Se un gruppo di persone esisteva oggi, avrebbero probabilmente tentato di cercare altri come loro, on-line.


AVEN

L'Asexual Visibility and Education Network (AVEN) è stato fondato nel 2001, ed ospita la più grande comunità asessuale del mondo. Il loro sito web è asexuality.org, e comprende una grande quantità di informazioni per coloro che pensano che potrebbero essere asessuali, così come per gli amici e la famiglia. C'è anche un forum on-line.

La caratteristica distintiva dei membri della comunità asessuale è che non sperimentano attrazione sessuale. Alcuni, non tutti, si impegnano in relazioni e formano accoppiamenti romantici, ma senza desiderio per il sesso. Coloro che provano attrazione romantica sono spesso attratti da un genere particolare, e in questo senso essi sono conformi ai profili tradizionali di etero, gay e bisessuali.

Coloro che si impegnano in attività sessuale, spesso segnalano poco o nessun piacere.

Alcuni all'interno della comunità sono indifferenti della loro mancanza di sessualità, e sono contenti di se stessi e con le loro vite. Altri sembrano avere momenti più difficili, sensazioni di isolamento e di essere outsider in un mondo che è prevalentemente occupato dai "sessuali".

Molti dei suoi membri sono giovani adulti in cerca di risposte.

La comunità è molto varia, e ci sono alcuni che si identificano come variazioni di asessuali. Queste sono persone che non sperimentano un certo grado di attrazione sessuale, ma solo raramente, in determinate circostanze, o con bassa intensità.

L'asessualità può essere una variazione naturale della condizione umana. E probabilmente non è venuta a esistere a causa di farmaci da prescrizione. Ma, in quanto aumenta in visibilità, è importante prendere in considerazione la possibilità che almeno alcuni ora collegati alla comunità possano essere stati esposti a farmaci nocivi, nell'infanzia o durante la gravidanza. Gli antidepressivi inibitori della ricaptazione della serotonina hanno cominciato ad essere utilizzati da donne in gravidanza più di cinquanta anni fa.


Somiglianze

Alcuni paralleli possono essere tratti tra la comunità asessuale e le persone colpite dai farmaci.
Le persone con PSSD e condizioni correlte possono sperimentare diminuita attrazione e desiderio sessuale, così come una riduzione della sensibilità erogena fisica, tra cui orgasmi deboli o tenui. Coloro che sono in grado di impegnarsi in attività sessuali descrivono il processo come una sensazione un pò meccanica, e molto diversa da come era solita essere. Essi descrivono la sensazione che qualcosa di fondamentale manca, e dicono che ci si sente come se tutta la loro sessualità fosse stata spenta o significativamente ridotta.

Molti di coloro che soffrono di PSSD sono estremamente turbati dalla loro condizione. Ma, è interessante notare, altri sono completamente a proprio agio con essa, non mostrando alcuna preoccupazione per il danno che li ha colpiti. Sembrano perdere la connessione con "come erano una volta", e semplicemente si abituano alla "nuova normalità".
Questo è uno dei motivi per cui gli effetti collaterali sessuali sono sotto-segnalati. Quando si tratta di identificare coloro che sono stati danneggiati dai farmaci, sono quelli che non gridano i più difficili da trovare.
Se qualcuno è stato influenzato in questo modo dalla nascita o in giovane età, e non ha mai sviluppato in modo normale, forse sarebbe ugualmente a suo agio con la propria sessualità alterata, in quanto non ha una linea di base per confrontarlo.


Un'eredità nascosta?

Di fronte a difetti di nascita o autismo in giovane età, un genitore può mettere in discussione un collegamento con un farmaco che è stato assunto durante la gravidanza. Ma, data la natura molto personale dei problemi sessuali, e il periodo di tempo prima che possano emergere in un adolescente o giovane adulto, è improbabile che una connessione verrebbe fatta. 

Sembra ragionevole supporre che le persone potrebbero essere colpite in modi diversi e in diversa misura. Mentre alcuni possono pensare che l'asessualità è una buona misura per ciò che stanno vivendo, ci potrebbero anche essere giovani adulti che sono completamente sessuali, ma comunque con la sensazione che qualcosa circa il loro funzionamento è diverso dagli altri.

Potremmo stare creando una nuova generazione di persone forgiate dai farmaci prima di aver raggiunto l'età adulta, e alcune prima ancora di essere nate?

Se lo stiamo facendo, allora è estremamente importante che questo tema venga portato sotto i riflettori.



C'è qualcuno lì?

Ci appelliamo non solo alla comunità asessuale, ma a chiunque possa identificarsi con i problemi in questo articolo. Chiediamo che si dia un pensiero a tutti i farmaci a cui si può essere stati esposti nel corso degli anni, o durante la gravidanza. Potrebbe essere utile prestare particolare attenzione agli antidepressivi, antipsicotici, e isotretinoina che viene utilizzata per l'acne.

Ci sono quasi certamente altri farmaci che possono causare annosi problemi sessuali, che non sono ancora stati ampiamente segnalati. Analgesici come il tramadolo, prodotti di erboristeria come l'erba di San Giovanni, e farmaci anti-nausea, come doxylamine (Diclegis) sono inibitori della ricaptazione della serotonina, con doxylamine ampiamente usato in gravidanza, per la nausea mattutina.

Se si pensa di poter essere stati colpiti in questo modo, si prega di mettersi in contatto e contribuire ad aumentare il profilo di questo problema. È possibile presentare un rapporto RxISK cliccando qui. Si prega di registrare l'effetto collaterale sia come asessualità, Disfunzione Sessuale Post SSRI, o disfunzione sessuale post farmaco.



Fonte: http://wp.rxisk.org/asexuality-a-curious-parallel/

Nessun commento:

Posta un commento