25 marzo 2015

Antidepressivi in Gravidanza





Articoli:

- Giorno di Consapevolezza sull'Autismo: Antidepressivi in Gravidanza, Rxisk (2013)
- Strage degli Innocenti, Rxisk (2014)
- Strage dell'Innocenza, Rxisk (2014)





  • Giorno di Consapevolezza sull'Autismo: Antidepressivi in Gravidanza


  • 2 Aprile 2013, Rxisk.org


    Nota editoriale: Questo post è di Adam Urato, medico, presidente di Ostetricia e Ginecologia presso MetroWest Medical Center a Framingham, Massachusetts, nonché specialista Medicina Materno-Fetale presso la Tufts Medical Center di Boston, Massachusetts. Si preoccupa per le donne incinte su base giornaliera.

    I tassi di autismo sono in aumento, con l'ultimo rapporto dei Centri statunitensi per il Controllo delle Malattie che mostra 1 bambino colpito su 50 (1). Il prozac, il primo degli antidepressivi SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina), è stato lanciato nel 1987 e le vendite sono aumentate da allora. Le donne in età fertile costituiscono una grande percentuale di utenti SSRI così la questione dell'esposizione in gravidanza è importante. Si stima che fino al 13% delle gravidanze americane siano esposte (2) (o circa 500.000 gravidanze americane all'anno).

    Come gli SSRI influenzano la gravidanza è stata un'area di crescente preoccupazione (3). L'evidenza attuale suggerisce che l'uso di antidepressivi durante la gravidanza è associato ad aborto spontaneo (4), difetti di nascita (5), la nascita pretermine (6), e la sindrome comportamentale neonatale (7) insieme ad altre complicazioni di gravidanza come la preeclampsia (8) e basso peso del nascituro (9).

    Sappiamo che i farmaci SSRI sono associati con complicazioni della gravidanza, ma una delle principali aree di preoccupazione è quella sugli effetti che vi sono sul cervello in via di sviluppo di embrioni e feti esposti a questi farmaci. Dati scientifici disponibili da studi sull'uomo e animali sollevano gravi preoccupazioni che l'esposizione a SSRI durante la gravidanza danneggia il cervello in via di sviluppo e possono causare anomalie dello sviluppo neurologico, tra cui l'autismo.
     


    La serotonina: un neurotrasmettitore fondamentale

    La serotonina è il primo neurotrasmettitore espresso negli embrioni e svolge un ruolo cruciale nella formazione del cervello umano. La serotonina è stata dimostrata essere essenziale per la crescita e lo sviluppo di determinate aree del cervello. E' coinvolta in tali processi di base come la divisione cellulare, la differenziazione, la migrazione, e la sinaptogenesi (10). In breve, il corretto funzionamento del sistema della serotonina è essenziale per il cervello per formarsi e funzionare normalmente. Nel cervello adulto la serotonina svolge un ruolo chiave nella cognizione, umore, ansia, sonno, aggressività, e funzione sessuale.

    Ma il ruolo fondamentale della serotonina nello sviluppo non si esaurisce con il cervello. Tra gli altri sistemi di organi, la serotonina si trova anche nel tratto intestinale, nell'osso, nei polmoni, e nelle piastrine del sangue. Gli SSRI si credono esercitare i loro effetti bloccando la ricaptazione della serotonina nei neuroni (cellule nervose che sono la cellula "di base" del cervello). Per un bambino in sviluppo, ad esempio il blocco è in corso in tutto il corpo (compreso il cervello) e durante tutto lo sviluppo della gravidanza.

    E' ormai ben noto scientificamente che l'autismo è caratterizzato da cambiamenti nel sistema della serotonina. Hyperserotonemia è la variazione neurochimica più consistente nell'autismo (11).


    Gli studi animali sulle gravidanze esposte sono preoccupanti

    La maggior parte dei dati che abbiamo sugli effetti degli SSRI sullo sviluppo del cervello viene da studi su animali di piccoli mammiferi (topi e ratti). La maggior parte di questi studi mostrano significativi cambiamenti nel cervello e nel comportamento degli animali esposti e questi risultati sono molto preoccupanti.

    Nel 2004, sulla rivista Science (una delle pubblicazioni scientifiche più importanti del mondo), Mark Ansorge ei suoi coautori hanno pubblicato la loro ricerca che mostra che l'esposizione dei topi al Prozac (fluoxetina) durante lo sviluppo ha portato a comportamenti emotivi anomali quando quei topi erano adulti (12).

    Nel 2011, Kimberly Simpson e i suoi colleghi presso l'Università del Mississippi hanno dimostrato che i ratti esposti a Celexa (citalopram) hanno avuto cambiamenti nella struttura e funzione del cervello e hanno mostrato il comportamento sociale compromesso. I maschi erano più gravi rispetto alle femmine. Questa differenza di genere (con i maschi che sono colpiti più delle femmine) è ben consolidata negli studi dell'autismo sull'uomo (13).

    Questi sono solo due esempi dei molti, molti studi su animali mostrano cambiamenti nel cervello e nel comportamento che risultano quando il sistema della serotonina è alterato durante lo sviluppo mediante l'uso degli antidepressivi SSRI. Questi studi su animali sono stati pubblicati in alcune delle riviste scientifiche più importanti del mondo, come Science e The Proceedings of the National Academy of Sciences. Alla fine di ogni articolo scientifico è presente una sezione "Discussione". Nella discussione di questi studi su animali, ancora e ancora, gli autori ci avvertono che i loro risultati (di effetti nocivi sulla prole da esposizione a SSRI durante lo sviluppo cerebrale) dovrebbero farci preoccupare del loro utilizzo sugli esseri umani.
     


    Gli studi sono anche trovare problemi

    Diversi studi umani guardando gli effetti dell'esposizione a SSRI durante la gravidanza hanno mostrato cambiamenti cerebrali e comportamentali nei bambini esposti.

    Nel 2003 Regina Casper ha mostrato che l'esposizione a SSRI durante la gravidanza ha avuto effetti sullo sviluppo motorio e controllo motorio nei bambini (14). Nel 2010 Lars Pedersen ha dimostrato che i bambini esposti a SSRI hanno cominciato a sedersi e camminare più tardi rispetto ai loro coetanei non esposti e che avevano cambiamenti comportamentali (15). Nel 2013 Gillian Hanley ha dimostrato che i bambini esposti a SSRI in età prenatale aveano un punteggio inferiore nei test motorio, socio-emotivo, e del comportamento adattivo (16). E questi sono solo 3 dei molti studi che mostrano i cambiamenti nei bambini esposti.

    Lo studio più importante per quanto riguarda gli antidepressivi SSRI, la gravidanza e l'autismo è uscito nel 2011. In questo studio, Lisa Croen e i suoi colleghi hanno dimostrato che l'esposizione a SSRI durante la gravidanza è stata associata con un raddoppio del rischio di autismo. Ancora più importante, per l'esposizione a SSRI nel primo trimestre, il rischio era quasi quadruplicato. Molto importante, il suo studio ha esaminato le donne depresse che non erano su SSRI e in questo gruppo non vi era alcun aumento del rischio di autismo. Era l'uso di antidepressivo che era legato all'autismo e non la depressione (17).


    La scienza di base: "Proteine del Danno Cerebrale"

    Non è possibile esaminare il cervello dei bambini umani esposti nello stesso modo in cui i ricercatori possono studiare il cervello di ratti e topi per cercare effetti degli antidepressivi SSRI. Ma c'è continua ricerca scientifica di base negli esseri umani guardando l'evidenza di lesioni cerebrali nei bambini esposti.

    S100B è un'importante proteina del cervello che è stata vista essere abbassata nei bambini che sono stati esposti ad alcol e cocaina in utero. Nel 2009, Jodi Pawluski e i suoi colleghi a Vancouver hanno pubblicato uno studio di riferimento che mostra una diminuzione dei livelli di S100B nei neonati umani che sono stati esposti agli antidepressivi SSRI in utero (18).

    Activin A è una proteina cerebrale che è aumentata in casi di lesioni cerebrali. E' noto come un "marker del danno cerebrale." Nel 2011 Valentina Bellisima e i suoi colleghi in Italia hanno dimostrato che i bambini che sono esposti agli antidepressivi SSRI in utero hanno livelli notevolmente più alti di questo marcatore del danno cerebrale nel sangue e nel liquido amniotico (19). Questo studio ci lascia con la domanda, perché il marcatore del danno cerebrale, la proteina (Activin A), è così elevato nei bambini esposti a SSRI?


    Il buon senso: Mettere tutto insieme

    Uno sviluppo embrionale e fetale è caricato con i recettori della serotonina e la serotonina svolge un ruolo assolutamente fondamentale per lo sviluppo. Perché interferire chimicamente con questo sistema non dovrebbe colpire lo sviluppo umano - soprattutto nel cervello? Perché ci si aspetterebbe che l'aggiunta di una sostanza chimica non causi effetti significativi e probabilmente dannosi per lo sviluppo umano? Gli antidepressivi SSRI hanno dimostrato di essere legati ad aborto spontaneo, difetti alla nascita, parto pretermine, preeclampsia, e altre complicazioni di gravidanza che suggeriscono che i farmaci possono causare lesioni al bambino in via di sviluppo / gravidanza. Dovrebbe venire da pensare, quindi, che non è una sorpresa che tali farmaci potrebbero danneggiare il cervello del feto. Studi sugli animali mostrano lesioni cerebrali da esposizione a questi farmaci in fase di sviluppo e dati sugli umani mostrano proteine dei danni cerebrali alterate da tale esposizione. Infine, gli studi umani sullo sviluppo del bambino dimostrano che nei bambini esposti vi sono peggiori esiti neurocomportamentali e un aumento dei tassi di autismo.


    Conclusione: Autismo Giorno di Consapevolezza e l'importanza della sensibilizzazione del pubblico

    Oggi è il Giorno di Consapevolezza sull'Autismo e siamo nel bel mezzo di una crescente epidemia di autismo. Mentre molti fattori contribuiscono probabilmente all'epidemia, non possiamo più ignorare il ruolo della diffusione degli antidepressivi SSRI durante la gravidanza.

    Le complicazioni di utilizzo degli SSRI possono essere considerate tollerabili se ci fosse una solida evidenza del beneficio con l'uso di antidepressivi da parte delle donne in gravidanza. Purtroppo, in 25 anni di studio, non un singolo studio ha mai mostrato miglioramenti negli esiti della gravidanza nel gruppo trattato con antidepressivi. E, in studi di popolazione non in gravidanza, non ci sono prove di beneficio clinico significativo con l'uso di antidepressivi (se confrontato con placebo) dalla maggior parte dei pazienti con depressione.

    Oggi, nel Giorno di Consapevolezza sull'Autismo, è essenziale che noi sensibilizzamo l'opinione pubblica dei problemi che circondano l'esposizione ad antidepressivi durante la gravidanza e la sempre crescente evidenza del danno che vediamo dagli studi scientifici. A questo punto, non sappiamo con certezza al 100% che gli antidepressivi SSRI causano l'autismo, ma diverse linee di evidenza segnalano con forza in quella direzione, e le prove che questi farmaci possono danneggiare il cervello in via di sviluppo è chiaro e coerente. Le donne incinte che soffrono di depressione hanno bisogno di cure e assistenza. Ma, con una buona prova che le terapie non farmacologiche, come la psicoterapia e l'esercizio, forniscono almeno altrettanto beneficio nel trattamento della depressione (se non di più), ha senso utilizzare per prima questi approcci nelle donne in età fertile - approcci che non sono stati collegati all'autismo.


    Riferimenti

    (1) Blumberg, Stephen J, et al. Variazioni nella Prevalenza di Segnalazioni Genitoriali di Disturbo dello Spettro Autistico in età scolare dei bambini americani: dal 2007 al 2011-2012. CDC Nazionale Health Statistics Reports. 20 marzo 2013.

    (2) Cooper WO, Willy ME, Pont SJ, Ray WA. L'aumento dell'uso di antidepressivi in gravidanza. Am J Obstet Gynecol 2007; 196: 544.e1-5.

    (3) Domar AD, Moragianni VA, Ryley DA, Urato AC. I rischi dell'uso di inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina nelle donne infertili: una revisione dell'impatto sulla fertilità, la gravidanza, la salute neonatale e oltre. Hum Reprod. 2013; 28: 160-71.

    (4) Nakhai-Pour HR, Broy P, Bérard A. L'uso di antidepressivi durante la gravidanza e il rischio di aborto spontaneo. CMAJ. 2010; 182: 1031-7.

    (5) Pedersen, LH, Henriksen, TB, Vestergaard, M., Olsen, J., & Bech, BH (2009). Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina in gravidanza e malformazioni congenite. British Medical Journal, 339, b3569.

    (6) A Roca, Garcia-Esteve L, Imaz ML, Torres A, Hernández S, Botet F, Gelabert E, Subirà S, Plaza A, Valdés M, Martin-Santos R. Gli esiti ostetrici e neonatali dopo l'esposizione prenatale agli inibitori della ricaptazione della serotonina: la rilevanza della dose. J Affect Disord. 2011; 135: 208-15.

    (7) Levinson-Castiel R, Merlob P, N Linder, Sirota L, Klinger G. Sindrome da astinenza neonatale dopo l'esposizione in utero agli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina nei neonati a termine. Arch Pediatr Adolesc Med 2006; 160: 173-176.

    (8) De Vera MA, Bérard A. L'utilizzo di antidepressivi durante la gravidanza e il rischio di ipertensione indotta dalla gravidanza. Br J Clin Pharmacol. 2012; 74: 362-9.

    (9) Grzeskowiak LE, Gilbert AL, Morrison JL. Esiti neonatali dopo l'esposizione in tarda gestazione di inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina. J Clin Psychopharmacol. 2012; 32: 615-21.

    (10) A Bonnin, Levitt P. Fonti fetali, materne, e placentari di serotonina e nuove implicazioni per la programmazione dello sviluppo del cervello. Neuroscience. 2011; 197: 1-7.

    (11) Hadjikhani N. Serotonina, gravidanza e aumento della prevalenza di autismo: C'è un legame? Med Hypoteses. 2010 May; 74 (5): 880-3.

    (12) Ansorge MS, Zhou M, Lira A, gallina R, Gingrich JA. Il blocco precoce del trasportatore 5-HT altera il comportamento emotivo nei topi adulti. Science. 2004; 306: 879-81.

    (13) Simpson KL, Weaver KJ, de Villers-Sidani E, Lu JY, Cai Z, Pang Y, Rodriguez-Porcel F, Paul IA, Merzenich M, Lin RC. L'esposizione perinatale all'antidepressivo altera la funzione della rete corticale nei roditori. Proc Natl Acad Sci U S A. 2011; 108: 18465-70.

    (14) Casper RC, Fleisher BE, Lee-Ancajas JC, Gilles A, Gaylor E, Debattista A, Hoyme HE. Follow-up dei bambini di madri depresse esposti o non esposti a farmaci antidepressivi durante la gravidanza. JPediatr. 2003; 142: 402-8.

    (15) Pedersen LH, Henriksen TB, Olsen J. Eposizione del feto a antidepressivi e il normale sviluppo a 6 e 19 mesi di età. Pediatrics. 2010; 125: e600-8.

    (16) Hanley GE, Cervello U, Oberlander TF. Esiti evolutivi infantili a seguito di esposizione prenatale agli antidepressivi, e umore materno depresso. Early Hum Dev. 2013 febbraio 2. doi: PII: S0378-3782 (13) 00015-7. 10.1016 / j.earlhumdev.2012.12.012.

    (17) Croen LA, Grether JK, Yoshida CK, Odouli R, Hendrick V. L'uso di antidepressivo durante la gravidanza e i disturbi dello spettro autistico dell'infanzia. Arch Gen Psychiatry. 2011; 68: 1104-1112.

    (18) Pawluski JL, Galea LA, Cervello U, Papsdorf M, Oberlander TF. Livelli neonatali della proteina S100B dopo l'esposizione prenatale agli inibitori della ricaptazione della serotonina. Pediatrics. 2009; 124: e662-70.

    (19) Bellissima V, Visser GH, Ververs TF, van Bel F, Termote JU, van der Heide M, P Florio, Li Volti G, Gazzolo D. Farmaci antidepressivi materni prenatali influenzano le concentrazioni di Activin A nel sangue materno, nel liquido amniotico e nel sangue del cordone ombelicale del feto. J Matern Fetal Neonatal Med. 2011; 24 Suppl 2: 31-4. 





  • Strage degli Innocenti


  • 23 dicembre 2014, Rxisk.org

    Nota editoriale: Questo post è di Adam Urato. Ci sono altri messaggi di Adam Urato su RxISK (vedi qui e qui), circa l'uso di antidepressivi in ​​gravidanza e per le donne di età fertile. Questo post è apparso prima sul Mad in America.

    La questione di antidepressivi e gravidanza è un tema caldo in Gran Bretagna in questo momento dopo la morte di Charlotte Bevan poche settimane fa. E' un tema caldo ovunque. Se ne parlerà nuovamente in un post della prossima settimana - Strage dell'Innocenza.



    La depressione durante la gravidanza è una questione importante. La depressione non dovrebbe essere ignorata e le donne incinte depresse meritano un buon trattamento e cura. Parte di quella buona cura, però, è fornire loro informazioni complete e corrette. Mi preoccupo per le donne in gravidanza che assumono antidepressivi giornalmente e troppo spesso mi dicono che l'unico counseling che hanno ricevuto circa il farmaco era, "il mio medico mi ha detto che è sicuro in gravidanza."

    In alcuni scenari l'uso di antidepressivi può essere considerato più sicuro rispetto alle alternative (ad esempio, una paziente che diventa incline al suicidio quando interrompe i suoi farmaci o colei che avrebbe usato fumo, alcool o droghe illegali). Ma questi scenari non significano che le sostanze chimiche (antidepressivi) stesse sono sicuri - solo che esse possono essere meno rischiose rispetto alle alternative.

    Gli antidepressivi semplicemente non possono essere considerati "sicuri" in gravidanza e l'argomento in cinque punti qui sotto spiega perché è così:
     
    1.   La serotonina è un neurotrasmettitore e una molecola cruciale per lo sviluppo umano.
    2.   Gli antidepressivi SSRI sono sostanze chimiche sintetiche che disturbano il sistema della serotonina.
    3.   Gli antidepressivi SSRI attraversano liberamente la placenta ed entrano nel feto.
    4.   Gli studi sugli animali mostrano danni.
    5.   Gli studi sugli umani mostrano danni.

    Con antidepressivi, mi riferisco qui soprattutto agli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) - farmaci come il Prozac, Zoloft, Celexa, Lexapro - che sono gli antidepressivi più comunemente utilizzati durante la gravidanza. Tuttavia, gran parte degli argomenti di seguito sono riferibili anche ad altri antidepressivi.

    Questo post esaminerà le prove in questo settore e affronterà le controdeduzioni.

     
    Questa non è Rocket Science (“scienza missilistica”)

    Se si guarda l'argomento in 5 punti sopra, è facile capire perché il fatto che questi farmaci non sono sicuri in gravidanza non è scienza missilistica.

    Nessuno può discutere con il punto #1. La serotonina è una molecola fondamentale per lo sviluppo del feto e la funzione normale del sistema della serotonina è essenziale per il corretto sviluppo umano. La serotonina gioca un ruolo nella formazione del cervello, cuore, polmoni, intestino, piastrine del sangue, e di altri organi di sistemi e stiamo scoprendo funzioni nuove e importanti della serotonina continuamente. Nessuno può sostenere (con la faccia seria) che la serotonina non è cruciale per lo sviluppo del feto umano.

    Il punto 2 è anche un fatto scientifico stabilito. Gli antidepressivi SSRI non sono sostanze naturalmente presenti. Essi sono composti chimici di sintesi fatti in fabbriche chimiche e perturbano il sistema della serotonina. Gli scienziati ancora non sono esattamente sicuri su tutti i modi in cui gli SSRI colpiscono il corpo umano, ma è chiaro che fanno alterare il sistema della serotonina.

    Il punto 3 è anch'esso un fatto scientifico stabilito. Lo SSRI attraversa la placenta ed entra nel feto. Basta mettere punti 1, 2, e 3 insieme, si dovrebbe facilmente concludere che gli antidepressivi SSRI possono causare qualche tipo di danno nello sviluppo fetale.

    Questo è esattamente ciò che vediamo in studi su animali (punto 4) e in studi umani (punto 5). Gli studi sugli animali mostrano un aumento dei tassi di problemi cardiaci, anomalie cranio-facciali, morte, anomalie cerebrali, e cambiamenti neurocomportamentali a lungo termine nella prole esposta.

    Gli studi dimostrano che l'uso di SSRI durante la gravidanza è associato ad aborto spontaneo, difetti di nascita, parto pretermine, preeclampsia, ridotta dimensione della testa del feto, sindrome comportamentale neonatale, crisi epilettiche, variazioni ECG neonatali, malformazioni cerebrali infantili, e problemi neurocomportamentali a lungo termine, come l'ADHD e l'autismo.

    Cosa pensiamo accadrà quando inviamo queste sostanze chimiche nel bambino in via di sviluppo durante la gravidanza?


    Allora, chi dice che gli antidepressivi sono sicuri in gravidanza?

    Riconoscere i trucchi e le trappole dei Key Opinion Leaders

    Ci sono molti "esperti" provenienti da vari centri là fuori che enfatizzano la sicurezza di questi farmaci in gravidanza e che hanno fatto così negli ultimi due decenni. Gran parte del pubblico non si rende conto che molti dei centri principali di psichiatria e gravidanza (le cosiddette unità Psichiatria perinatale) e molti degli "esperti" sono stati (e sono tuttora), finanziati dagli stessi produttori di antidepressivi. Le aziende farmaceutiche hanno pagato questi esperti (i cosiddetti
    Key Opinion Leaders—o KOLs in breve) e finanziato queste unità, e il messaggio che viene recapitato tende a minimizzare eventuali problemi di sicurezza. Questo è stato rivisto in dettaglio qui, qui, e qui.

    Molti di questi esperti sembrano seguire lo stesso copione di base che può essere riassunto come segue:

    1.    Evitare di discutere gli studi di base di scienza e animali: Perché abbiamo quasi mai sentito i
    Key Opinion Leaders parlare dei dati scientifici di base sull'importanza della serotonina nello sviluppo umano? O come lo SSRI incide sul sistema della serotonina? O i relativi risultati degli studi su animali? Non hanno praticamente mai commentano qualsiasi dei primi quattro punti di cui sopra. Il motivo per cui non fanno mai questo è che qualsiasi discussione in questo senso è una cattiva notizia per la loro tesi secondo cui i farmaci sono sicuri in gravidanza. L'ultima cosa che questi esperti vogliono è che il pubblico si concentri su quanto sia importante la serotonina per lo sviluppo del feto e di come i farmaci alterino il sistema e i relativi risultati della ricerca sugli animali.
     
    2.    Sottolineare come la depressione è dannosa per la gravidanza e l'efficacia degli antidepressivi per il trattamento della depressione: Ancora una volta, abbiamo sentito da questi esperti (a) come la depressione porta a risultati cattivi in gravidanza e (b) come sicuri ed efficaci i farmaci sono nel trattamento della depressione. Ma, pensateci: se (a) e (b) sono corrette, allora non dovrebbe essere che la ricerca mostri un miglioramento dei risultati di gravidanza per le donne che assumono questi farmaci? Tuttavia, questo non è mai il caso. In più di venticinque anni di studio, non vediamo mai migliori esiti ostetrici nel gruppo di donne su questi farmaci. Il gruppo trattato con SSRI costantemente ha peggiorato gli esiti della gravidanza (cioè, più aborto spontaneo, difetti alla nascita, parto pretermine, problemi appena nati, e autismo).
     
    3.    Seminare il dubbio nella mente del pubblico: Questo può essere il trucco più vecchio nel libretto dei Key Opinion Leaders che risale almeno alla difesa delle sigarette (e probabilmente prima di allora). Quello che gli esperti fanno è di mettere in dubbio la scienza disponibile e sottolineare l'incertezza scientifica. Chiunque sia coinvolto nella scienza sa che i risultati sono raramente completamente certi - soprattutto con gli studi complessi in popolazioni umane. C'è quasi sempre un certo grado di incertezza scientifica qualunque sia il problema. I KOLs capitalizzano su questo. In zona di antidepressivi e di una gravidanza si sentono spesso gli esperti far notare che nessuno studio clinico controllato e randomizzato è mai stato fatto, così che non possiamo essere sicuri se il danno che stiamo vedendo sia dovuto agli antidepressivi o alla sottostante depressione. Questo argomento ignora il fatto che, quando i risultati umani di danno (per esempio, ipertensione polmonare persistente del neonato) fanno esattamente eco agli studi su animali (per esempio, studi sul ratto mostrano che il Prozac provoca ipertensione polmonare fetale), allora è probabile che sia un effetto del farmaco. Inoltre, studi randomizzati controllati non sono sempre necessari per determinare un danno (ad esempio le sigarette). La scienza in questo settore non è perfetta (e quasi mai lo è in ogni zona.) Ma vi è ora una più che sufficiente evidenza di danno per concludere che questi farmaci non sono "sicuri" in gravidanza.
     
    4.    Sostengono che ci può essere un danno, ma è minore: Ora che sempre più stanno emergendo prove che gli antidepressivi sono legati a danni in gravidanza, alcuni KOLs hanno cominciato a sostenere che i danni che stiamo vedendo potrebbero essere statisticamente significativi ma non lo sono clinicamente. Questo argomento sembra dare un senso al loro valore apparente. Ad esempio, diciamo che si fa un enorme studio con milioni di persone che mostra che sorridere tutto il tempo aumenta l'aspettativa di vita - da 3 minuti! In questo caso, i 3 minuti di durata possono essere statisticamente significativi (soprattutto con uno studio di milioni di persone) ma non è probabilmente clinicamente significativo. Quindi questo argomento può avere senso in qualche arena. Ma nella zona degli antidepressivi e complicazioni in gravidanza, non è applicabile. Per esempio, con l'uso di antidepressivi in ​​gravidanza, vediamo aumenti statisticamente significativi in ​​cose come aborto spontaneo, difetti di nascita, e autismo. Per definizione queste cose sono clinicamente significative. Se siete su uno SSRI e avete un aborto spontaneo e perdete quella gravidanza, o avete un bambino con un difetto cardiaco, o un bambino con autismo – quello è molto clinicamente significativo. L'argomento che le complicazioni che vediamo con l'uso di antidepressivi in ​​gravidanza sono statisticamente significative ma non clinicamente significative è assolutamente assurdo. Il secondo argomento che i KOLs cercano di fare in questo settore è che i rischi assoluti sono bassi, ma questo non è semplicemente il caso. Alcuni degli studi stanno mostrando rischi molto elevati. Il recente studio di Knickmeyer, et al ha mostrato che il 18% dei bambini che sono esposti a SSRI in utero avrà malformazione cerebrale. Toh, et al hanno mostrato che il 26,1% delle donne che assumono SSRI svilupperà ipertensione. Levinson-Castiel, et al hanno dimostrato la sindrome comportamentale neonatale nel 30% dei neonati esposti. Questi non sono bassi rischi.
     
    5.    Accusano di allarmismo chiunque cerchi di informare il pubblico su questo tema: Nel settembre 2014 un articolo di Roni Caryn Rabin è apparso sul New York Times su questo argomento. Lei, il suo editore, e il Times meritano complimenti per aver informato il pubblico su questo tema. Molti di noi che si prendono cura delle donne incinte e molti di noi che vedono l'andazzo di maggiore uso di antidepressivi durante la gravidanza sono molto preoccupati per questo. Le migliori prove scientifiche disponibili - in oltre 25 anni di studio - stanno mostrando danni reali con l'uso di questi farmaci in gravidanza. E le informazioni sui problemi a lungo termine nei bambini (ad esempio l'autismo, ritardo dello sviluppo) sono davvero spaventose. Abbiamo bisogno di più giornalisti e leader della medicina accademica che portino attenzione su questo problema. Eppure, chi parla di questo tema (o scrive su di esso) è spesso accusato di allarmismo, essere insensibile, o di volere che le donne incinte si uccidano. Questi tipi di attacchi sono assurdi. Se abbiamo intenzione di "fermare" ogni giornalista che osa tentare di informare il pubblico su questo tema cruciale, allora stiamo andando a finire con un pubblico davvero poco informato ed esposizioni chimiche potenzialmente tossiche in gravidanza.
     
    6.    Confrontano antidepressivi e depressione ad insulina e diabete: Questo confronto viene portato continuamente da parte dei KOLs e semplicemente non regge (cioè non è scientificamente accurato). Quando le donne in gravidanza con diabete sono trattate con insulina, migliorano gli zuccheri nel sangue e migliorano gli esiti della gravidanza. Questo è stato dimostrato in numerosi studi. Il gruppo trattato con insulina ha meno aborti spontanei, meno bambini con difetti alla nascita, meno ipertensione, e migliori esiti della gravidanza. Ma quando gli studi simili sono fatti con la depressione, è il gruppo sugli antidepressivi che ha sempre i più alti tassi di complicazioni. Questo è molto probabilmente perché l'insulina è una proteina naturale di cui i diabetici sono carenti. Dare l'insulina ad una diabetica incinta ripristina i livelli normali di zucchero nel sangue e permette al feto di svilupparsi normalmente (e la grande proteina insulina non attraversa la placenta).Con la depressione, non c'è un "deficit di SSRI" che il Prozac o lo Zoloft trattano - è ridicolo. E, ora sappiamo, che non sembra esserci neanche carenza di serotonina. Tale ipotesi è morta o "pensiero del secolo scorso", a seconda della fonte. Utilizzare antidepressivi per le donne incinte depresse non è come con l'insulina nei diabetici.
     
    7.    Ritraggono i medici, scienziati e giornalisti preoccupati come bulli che cercano di dire alle donne in gravidanza che cosa fare: è un “colpo particolarmente basso”, soprattutto se proveniente da KOLs che sono stati pagati con ingenti somme di denaro nel corso degli anni dalle case farmaceutiche. Nessuno dovrebbe andare a dire alle donne in gravidanza che cosa da fare in questo settore. La questione chiave è fornire alle donne in gravidanza e al pubblico informazioni complete, consentendo loro di prendere le migliori decisioni per se stesse, e sostenendole in tali decisioni.
     
    8.    Rigirare i risultati della ricerca: Qualcuno potrebbe chiamare questa parte del libretto dei KOLs "offuscamento creativo". Un ottimo esempio di questo viene da un recente editoriale in cui l'autore ha scritto: "Ci sono solo pochi studi che valutano i risultati a lungo termine tra i bambini le cui madri hanno assunto antidepressivi durante la gravidanza. Anche se i risultati sono stati favorevoli, la ricerca è piuttosto scarna. "Questo semplicemente non è vero. In molti degli studi i risultati non sono stati favorevoli. Ci sono più di un paio di studi che hanno esaminato i risultati a lungo termine e, in molti, i bambini esposti agli antidepressivi in ​​utero stanno avendo notevoli problemi: un aumento dei tassi di autismo, ritardo dello sviluppo, ADHD, problemi motori, e anomalie strutturali del cervello . Descrivere questo corpo di ricerche come alcuni studi con esiti favorevoli va oltre il "rigirare". Questo è semplicemente inesatto.

     
    Conclusione

    La questione della sicurezza degli antidepressivi in ​​gravidanza non è mai stata così importante dato che sempre più donne in età fertile prendono questi farmaci e le dosi di esposizione durante la gravidanza sono in aumento in tutto il mondo. Il tema non è poi così complicato. E' solo senso comune che la serotonina svolga un ruolo cruciale nello sviluppo fetale. Gli antidepressivi attraversano la placenta, nel feto in via di sviluppo, e alterano chimicamente quel sistema della serotonina. Quindi non dovrebbe sorprenderci che la ricerca animale ed umana sta mostrando un danno, e questo è quello che vedo sempre di più clinicamente con le pazienti reali.

    Con una buona evidenza che molte pazienti avranno più benefici (o altri) da approcci non farmacologici alla depressione, come la psicoterapia e l'esercizio fisico, è chiaro che tali modalità devono essere sottolineate nel trattamento delle donne incinte e delle donne in età fertile. Nessuno dovrebbe raccomandare alle donne in gravidanza che cosa fare, ma la questione chiave è fornire ai pazienti e al pubblico informazioni complete in modo che possano prendere le migliori decisioni per se stesse. Dovrebbero essere quindi sostenute nelle loro decisioni e data la migliore assistenza possibile.
     



  • Strage dell'Innocenza


  • 30 dicembre 2014, Rxisk.org


    Nessun commento:

    Posta un commento