24 marzo 2015

Sintomi Persistenti Post Sindrome da Sospensione di SSRI (2012)



Psychother Psychosom. 2012;81(6):386-8. doi: 10.1159/000341178. Epub 2012 Sep 6.

Patient Online Report of Selective Serotonin Reuptake Inhibitor-Induced Persistent Postwithdrawal Anxiety and Mood Disorders

Ansia e disturbi dell'umore come sintomi persistenti emergenti dalla Sindrome da Sospensione da Inibitori Selettivi della Ricaptazione della Serotonina (SSRIs): studio condotto sulle segnalazioni online dei pazienti.

Autori: Belaise C., Gatti A., Chouinard V.-A., Chouinard G.


Recentemente, Schifano et al. [1] hanno analizzato le auto-segnalazioni online di abuso di pregabalin, e hanno trovato effetti dissociativi psichedelici indotti da pregabalin in questa popolazione selezionata di tossicodipendenti, informazione che a quanto pare può essere ottenuta almeno inizialmente solo attraverso studi di segnalazione indipendente on-line [1].

Nel presente studio, analizziamo le auto-segnalazioni online da una varietà di siti web visitati da parte dei pazienti che avevano interrotto inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI) e hanno segnalato, spontaneamente su quei forum di internet, significativi sintomi di astinenza e psicopatologia post-sindrome da sospensione, che attribuivano
alla sospensione del loro antidepressivi SSRI. Il ritiro da SSRI, come per le altre classi di tipo sedativo del Sistema nervoso centrale (alcol, benzodiazepine, barbiturico, narcotico, antipsicotici, antidepressivi), deve essere diviso in due fasi: la fase di immediato ritiro composta da nuovi sintomi e sintomi da rimbalzo, che si verificano fino a 6 settimane dopo l'astinenza, a seconda della eliminazione dell'emivita del farmaco [2,3], e la fase post-sindrome da sospensione, costituita da disturbi di supersensibilità recettoriale tardiva, che si verificano dopo 6 settimane di sospensione del farmaco [4].


Un esempio di auto-segnalazioni di nuovi sintomi da sindrome di astinenza di tipo sedativo sul SNC è la pubblicazione da parte di Shoenberger [5], che ha descritto i nuovi sintomi di astinenza (mal di testa, agitazione, irritabilità, nausea, insonnia) elencati in studi controllati [6,7]. L'auto-rapporto di Shoenberger non menziona disturbi post-sindrome da sospensione in seguito al ritiro della paroxetina (presa per 3 anni) [5], ma riporta inquietanti sensazioni di "zap" (scosse), sensazioni di scariche elettriche per tutto il corpo descritte come 'a cavallo sulle montagne russe '[5], un sintomo da sindrome da sospensione di tipo sedativo del sistema nervoso centrale, che durò fino alla quarta settimana di ritiro. Zajecka et al. [6] avevano già citato 'sensazioni elettriche' come uno dei nuovi sintomi di astinenza inclusi in quattro casi clinici pubblicati.
In generale, la maggior parte degli studi hanno solo guardato a nuovi sintomi da sospensione minori [6], ma ci sono alcune eccezioni che hanno esaminato disturbi persistenti da post-sindrome da sospensione di SSRI [7,8,9]. Nel presente studio, abbiamo esaminato sia i nuovi sintomi di astinenza da SSRI [6] sia sintomi persistenti post-sindrome da sospensione.
Tra il febbraio 2010 e il settembre 2010 ricerche qualitative di Google di 8 siti web tra cui Paxilprogress.org, ehealthforum.com, depressionforums.org, about.com, MedHelp.org, drugLib.com, topix.com e survigingantidepressant.org sono state effettuate in inglese, utilizzando le parole chiave come 'sindrome da sospensione SSRI', 'sospensione Paxil', 'forum SSRI".
Nella tabella 1, abbiamo fatto una lista di selezionate auto-segnalazioni dei pazienti sui sintomi fisici e psichiatrici per ciascuno dei 6 SSRI: paroxetina (n = 3), sertralina (n = 2), citalopram (n = 2), fluoxetina (n = 1), fluvoxamina (n = 1) e escitalopram (n = 3). Dalle informazioni disponibili on-line, il genere è noto per 4 pazienti (2 uomini e 2 donne), la durata media del trattamento con SSRI (n = 9) era 5,13 anni, range 0,25-15 anni, mediana 4.5, e la durata dei sintomi di astinenza media (n = 7) è stato 2,5 anni, gamma 0,125-6 anni, mediana 2,1 anni.


Tabella 1. Segnalazione online dei pazienti di nuovi sintomi da sindrome da sospensione e disturbi persistenti post-sindrome da sospensione.

Come si può vedere nella tabella 1, il 58% dei pazienti (7 su 12) ha riportato sintomi postwithdrawal (post sindrome da sospensione) persistenti: 3 su 3 pazienti che avevano assunto paroxetina, 2 di 2 citalopram, 1 su 1 fluvoxamina, 1 di 3 escitalopram e nessun paziente di sertralina e fluoxetina. Notiamo nella tabella 1, disturbi postwithdrawal persistenti, che si verificano dopo 6 settimane di sospensione del farmaco, raramente scompaiono spontaneamente, e sono sufficientemente gravi e invalidanti da avere pazienti che sono tornati al trattamento farmacologico precedente. Quando il loro trattamento farmacologico non si riavvia, i disturbi postwithdrawal possono durare diversi mesi o anni. Significativi sintomi persistenti emergenti da postwithdrawal noti sono costituiti da disturbi d'ansia, tra cui ansia e attacchi di panico generalizzati, insonnia tardiva, e disturbi depressivi, tra cui la depressione maggiore e il disturbo bipolare. Ansia, disturbi dell'umore, depressione, sbalzi d'umore, predisposizione emotiva, insonnia persistente, irritabilità, scarsa tolleranza allo stress, difficoltà di concentrazione e memoria alterata sono i sintomi più frequenti del postwithdrawal segnalati online. Nello studio controllato di Fava et al. [8] sulla graduale sospensione di SSRI nei disturbi di panico, 9 dei 20 pazienti (45%) hanno avuto nuovi sintomi di astinenza e 3 del 9 (33%) pazienti trattati con paroxetina hanno avuto disturbi emergenti postwithdrawal persistenti, composti da disturbi dello spettro bipolare (n = 2) e disturbo depressivo maggiore (n = 1) nel corso di un anno di postwithdrawal.

I
n accordo con i dati provenienti da studi controllati [6,10], la auto-segnalazione online mostra la paroxetina come il più probabile ad essere associato con i sintomi di astinenza, mentre la fluoxetina il meno. Forum online mostrano anche un'associazione tra il ritiro da citalopram e una varietà di sintomi postwithdrawal persistenti, che durano più di 4 mesi. La fluvoxamina sembra essere meno prescritta, ma comunque segnalata online per causare disturbo di panico postwithdrawal (tabella 1); studi controllati hanno anche trovato la fluvoxamina essere associata con una frequenza elevata di sintomi di astinenza [7].

Per quanto riguarda i minori nuovi sintomi di astinenza da SSRI, sono noti a verificarsi dopo la sospensione del farmaco con frequenza e durata variabile, da poche ore fino a 6 settimane, a seconda dello SSRI interrotto. La frequenza e la gravità varia principalmente in base agli SSRI usati [10]. Il nostro studio online conferma quelli che si verificano con la più alta frequenza riportati in letteratura: mal di testa, nausea, feci molli, vertigini, disorientamento, incapacità di concentrarsi, tinnito, e andatura instabile. Pertanto, vi è concordanza tra i nuovi sintomi da sospensione di SSRI descritti negli articoli scientifici e quelli riportati on line da parte dei pazienti. Come già discusso, un ricorrente invalidante sintomo di ritiro descritto online da parte dei pazienti è 'zap (scossa) del cervello', 'sensazione di scarica elettrica', 'shock e zaps', ci sono stati 5 pazienti che avevano incluso questi nuovi sintomi di astinenza (tabella 1). Anche dopo una rastremazione del farmaco molto graduale e sotto attento monitoraggio psichiatrico, nuovi sintomi di astinenza si verificano ancora secondo la maggior parte degli studi [6,7,8,10], che si ritrovano anche nel nostro studio di autosegnalazioni online dei pazienti.

Diversi limiti del nostro studio da notare. I pazienti che hanno segnalato la loro esperienza online potrebbero anche aver preso altri farmaci, esagerare i loro sintomi o essere influenzati da altri rapporti online. Inoltre, gli operatori sanitari non hanno confermato i sintomi postwithdrawal emergenti e i disturbi.

Le caratteristiche dei pazienti sono limitate a ciò che è disponibile on-line. Tuttavia, la nostra ricerca ha trovato un significativo gran numero di pazienti fuori SSRI, che descrive lo stesso gruppo di sintomi di astinenza per un tempo più lungo del previsto, per dare validità ai nostri risultati. Il ritiro da paroxetina e i sintomi postwithdrawal come riportati nella letteratura scientifica [7,8,9] sono stati confermati, così come più frequenti nuovi sintomi lievi riportati negli studi clinici controllati [7,10].

Una rivalutazione dei disturbi persistenti postwithdrawal tardivi può anche fornire una migliore comprensione di rimbalzo, recidiva e ricadute durante la terapia antidepressiva a lungo termine.





Riferimenti

  1. Schifano F, D’Offizi S, Piccione M, Corazza O, Deluca P, Davey Z, Di Melchiorre G, Di Furia L, Farre M, Flesland L, Mannonen M, Majava A, Pagani S, Peltoniemi T, Siemann H, Skutle A, Torrens M, Pezzolesi C, van der Kreeft P, Scherbaum N: Is there a recreational misuse potential for pregabalin? Analysis of anecdotal online reports in comparison with related gabapentin and clonazepam data. Psychother Psychosom 2011;80:118–122.
  2. Fontaine R, Chouinard G, Annable L: Rebound anxiety in anxious patients after abrupt withdrawal of benzodiazepine treatment. Am J Psychiatry 1984;141:848–852.
  3. Chouinard G: Rebound anxiety: Incidence and relationship to subjective cognitive impairment. J Clin Psychiatry 1986;4:12–16.
  4. Chouinard G: Severe cases of neuroleptic-induced supersensitivity psychosis. Diagnostic criteria for the disorder and its treatment. Schizophr Res 1991;5:21–33.
  5. Shoenberger D: Discontinuing paroxetine: a personal account. Psychother Psychosom 2002;71:237–238.
  6. Zajecka J, Tracy KA, Mitchell S: Discontinuation symptoms after treatment with serotonin reuptake inhibitors: a literature review. J Clin Psychiatry 1997;58:291–297.
  7. Bhanji NH, Chouinard G, Kolivakis T, Margolese HC: Persistent tardive rebound panic disorder, rebound anxiety and insomnia following paroxetine withdrawal: a review of rebound-withdrawal phenomena. Can J Clin Pharmacol 2006;13:e69–74.
  8. Fava GA, Bernardi M, Tomba E, Rafanelli C: Effects of gradual discontinuation of selective serotonin reuptake inhibitors in panic disorder with agoraphobia. Int J Neuropsychopharmacol 2007;10:835–838.
  9. Chouinard G, Chouinard VA: Atypical antipsychotics: CATIE study, drug-induced movement disorder and resulting iatrogenic psychiatric-like symptoms, supersensitivity rebound psychosis and withdrawal discontinuation syndromes. Psychother Psychosom 2008;77:69–77.
  10. Rosenbaum JF, Fava M, Hoog SL, Ascroft RC, Krebs WB: Selective serotonin reuptake inhibitor discontinuation syndrome: a randomized clinical trial. Biol Psychiatry 1998;44:77–87.
  
 
Fonte: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22964821
 
Articolo completo a libero accesso (lingua inglese)
http://www.karger.com/Article/FullText/341178

Nessun commento:

Posta un commento