22 febbraio 2018

Post-SSRI Sexual Dysfunction: Preclinical to Clinical. Is It Fact or Fiction? (2018)


Post-SSRI Sexual Dysfunction: Preclinical to Clinical. Is It Fact or Fiction?


Enis Rauf Coskuner, MD, FECSM1, , ,
Mehmet Gokhan Culha, MD2,
Burak Ozkan, MD1,
Elcin Orhan Kaleagasi3

1 Department of Urology, Acibadem Mehmet Ali Aydinlar University School of Medicine, Istanbul, Turkey
2 Department of Urology, Health Sciences University, Okmeydani Training and Research Hospital, Istanbul, Turkey
3 Department of Psychology, Acibadem Bakirkoy Hospital, Istanbul, Turkey

Received 7 October 2017, Accepted 29 November 2017, Available online 17 February 2018

https://doi.org/10.1016/j.sxmr.2017.11.004


Abstract

 

Introduction

Selective serotonin reuptake inhibitors (SSRIs) are a widely used class of drug for various psychiatric disorders during the lifespan, including pregnancy, lactation, childhood, and adolescence. Deterioration in sexual functioning is a major and serious adverse effect of SSRIs. There is emerging evidence that SSRIs can have long-lasting effects on sexuality.

 

Aim

To summarize the long-lasting effects of SSRIs on sexuality, starting with animal models and continuing with the clinical experience of different investigators.

 

Method

A literature review of relevant publications in PubMed.

 

Main Outcome Measures

To assess the long-lasting effects of SSRIs on sexuality.

 

Results

Although the persistent effects of SSRIs on sexuality have been little studied in humans, animal studies suggest that SSRIs might cause permanent sexual dysfunction after ending SSRI exposure at a young age but not in adulthood in rats. There are no prospective randomized controlled trials in humans and the present evidence is derived from case reports, incidental research findings, and experiences of some internet communities.

 

Conclusion

There is some preclinical evidence from animal studies for enduring SSRI-induced sexual dysfunction, but the available clinical information could prevent a clear decision about the existence of post-SSRI sexual dysfunction, its pathophysiology, and its management. We need more research to fill in the gaps in our knowledge.

Coskuner ER, Culha MG, Ozkan B, Kaleagasi EO. Post-SSRI Sexual Dysfunction: Preclinical to Clinical. Is It Fact or Fiction? Sex Med Rev 2017;X:XXX–XXX.


LINK:  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29463440



TRADUZIONE IN ITALIANO


Disfunzione sessuale post-SSRI: da preclinica a clinica. E' un fatto o una finzione?


ABSTRACT

Introduzione: gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono una classe di farmaci ampiamente utilizzata per vari disturbi psichiatrici durante la vita, compresa la gravidanza, l'allattamento, l'infanzia e l'adolescenza. Il deterioramento nel funzionamento sessuale è un grave effetto negativo degli SSRI. Ci sono prove emergenti che gli SSRI possono avere effetti duraturi sulla sessualità.

Obiettivo: riassumere gli effetti a lungo termine degli SSRI sulla sessualità, iniziando con modelli animali e continuando con l'esperienza clinica di diversi ricercatori.

Metodo: una revisione della letteratura di pubblicazioni rilevanti su PubMed.

Principali misure di esito: valutare gli effetti a lungo termine degli SSRI sulla sessualità.

Risultati: Sebbene gli effetti persistenti degli SSRI sulla sessualità siano stati poco studiati negli esseri umani, studi sugli animali suggeriscono che gli SSRI potrebbero causare disfunzioni sessuali permanenti dopo aver terminato l'esposizione a SSRI in giovane età, ma non in età adulta nei ratti. Non ci sono studi prospettici randomizzati controllati negli esseri umani e la prova attuale è
derivata da case report, risultati di ricerche occasionali ed esperienze di alcune comunità internet.

Conclusione: Esistono alcune prove precliniche provenienti da studi sugli animali su disfunzioni sessuali durature indotta da SSRI, ma le informazioni cliniche disponibili potrebbero impedire una chiara decisione sull'esistenza della Disfunzione Sessuale post-SSRI, la sua fisiopatologia e la sua gestione. Abbiamo bisogno di più ricerche per colmare le lacune nella nostra conoscenza.

Nessun commento:

Posta un commento