Translate

27 marzo 2018

Neuropatia delle piccole fibre?

20 marzo 2018, Rxisk.org

PSSD, Ritiro e Neuropatia delle piccole fibre?


L'immagine qui mostra i piedi prima e dopo di una persona che ha eritromelalgia. Dopo l'esercizio o in risposta ad altre situazioni, a volte semplicemente sdraiati sul letto, i piedi o altre parti del corpo possono diventare caldi e brucianti, anche in modo doloroso. La condizione è legata ai canali del sodio. Coloro che ne sono afflitti possono avere una variazione genetica che li predispone ad essa. Coloro che ce l'hanno spesso hanno assunto un antidepressivo.


Ritiro complesso


Nel 2015, abbiamo lanciato una sezione di Ritiro complesso (la sospensione del farmaco che porta a sindrome da sospensione) volta ad esplorare l'idea che la raccolta di effetti che le persone spesso segnalano dopo essere usciti da SSRI o SNRI, sembra molto simile alla neuropatia periferica - una condizione in cui i nervi periferici che forniscono vari aspetti del nostro senso del tatto smettono di funzionare correttamente, causando problemi sensoriali ed altri problemi.

Fin dall'inizio abbiamo stretto legami tra condizioni come PSSD (disfunzione sessuale post-SSRI) e stati di ritiro complessi. Comprendine uno e potresti avere la risposta all'altro. La PSSD sembra la migliore scommessa per la ricerca come la via per tutti questi problemi perché è così chiaramente definita e i suoi sintomi sono proprio lì sulla superficie del corpo.

Gli esempi più evidenti di un danno sensorio da antidepressivi è l'anestesia genitale sperimentata nella PSSD, o al contrario, il senso di eccitazione dolorosa che accompagna la PGAD.

Sia i pazienti con PSSD che quelli con PGAD riportano una perdita di libido, che in particolare per i pazienti con PSSD è spesso vista come qualcosa che non va nel cervello. Ma ha altrettanto senso vedere le cose dall'altra parte. Se l'input sensoriale dai genitali viene disturbato, ci si può aspettare che questo porti ad una diminuzione della libido.

Ciò è ancora più vero quando si scopre che le fibre che sembrano più suscettibili di essere colpite sono le fibre C, e nel gruppo delle fibre C c'è un gruppo di fibre che trasmettono specificamente un tocco affettivo.

Molte persone che soffrono di effetti collaterali o da sospensione di antidepressivi riportano aree di intorpidimento della pelle o sensazione alterata. Queste possono essere sul petto, sulla schiena, sull'addome o talvolta su tutto il corpo. Spesso colpiscono i capezzoli e sono particolarmente comuni nei piedi e nelle mani.

A volte le persone segnalano che il farmaco ha alterato la piacevolezza percepita delle sensazioni tattili, come un massaggio che ora si sente infastidente piuttosto che piacevole, o aree del corpo che solevano suscitare una forte risposta sessuale e ora si avvertono non-sessuali o addirittura causano una sensazione di disagio e irritazione quando vengono toccate.

Nella sezione di Ritiro complesso esponiamo i diversi tipi di fibre nervose che trasmettono diversi aspetti del nostro senso del tatto. Ad esempio, alcune fibre nervose rispondono a vibrazioni e temperature, mentre altre rispondono alla pressione. Ci sono anche fibre specifiche che producono una sensazione piacevole quando accarezzate delicatamente ad una certa velocità - si tratta di un tipo specifico di fibra C chiamato afferenti tattili C. Se qualcosa va storto con queste fibre o i segnali che elaborano, ciò darà origine a sensazioni insolite o ad un cambiamento nel modo in cui sentiamo di essere toccati.

I cambiamenti sensoriali possono avere un impatto molto più ampio sulle nostre emozioni e sul nostro benessere di quel le persone normalmente ritengono. Ad esempio, l'olfatto è strettamente legato alle parti del cervello coinvolte nell'elaborazione della memoria e delle emozioni. La compromissione dell'olfatto può avere un profondo effetto sul modo in cui ci sentiamo. Alcune persone che soffrono di anosmia (perdita dell'olfatto) hanno riferito sentimenti di isolamento e ottundimento emotivo. L'olfatto è estremamente importante nel modo in cui ci relazioniamo con un partner romantico.

Oltre al tatto, una neuropatia che colpisce le piccole fibre nervose può anche influenzare il sistema nervoso autonomo che controlla vari processi automatici all'interno del corpo come la frequenza cardiaca, la digestione e la respirazione. Questo è chiamato disautonomia.


Neuropatia delle piccole fibre


Una condizione che è entrata sempre più nel nostro radar quando si pensa al Ritiro e alla PSSD è la neuropatia delle piccole fibre.

I nervi periferici contengono grandi fibre Alfa e Beta, così come piccole fibre, come A-delta e fibre-C. In alcuni pazienti, una causa sottostante come diabete, carenza di vitamina B, malattie autoimmuni, mutazioni genetiche, consumo eccessivo di alcol o uso di droghe ricreative può influenzare le grandi fibre e gli stessi fattori a volte possono influenzare le piccole fibre. In altri, la causa sottostante può essere meno chiara, ma è noto che una grande varietà di farmaci causa questi problemi.

Nel 2016, un podcast sulla neuropatia delle piccole fibre di Anne Louise Oaklander, Professore Associato di Neurologia e direttore del Massachusetts General Hospital Nerve Unit - trascritto Qui - ha esposto alcuni dei problemi.

Il dott. Oaklander ha commentato che se chiedi ai medici di elencare i sintomi più comuni della neuropatia delle piccole fibre, di solito parlano di intorpidimento della pelle, formicolio o dolore - spesso iniziano nei piedi. Tuttavia, il dott. Oaklander ha scoperto che quando ai pazienti affetti dalla malattia veniva chiesto quali fossero i loro sintomi, dipingevano un'immagine molto diversa. La maggior parte di questi descriveva sensazioni alterate della pelle, ma elencava anche sintomi più gravi e fastidiosi come affaticamento, stanchezza, ridotta resistenza e forza, problemi cognitivi e di memoria, vertigini, mal di testa, problemi gastrointestinali, gonfiore dopo i pasti, perdita di peso, diarrea, stitichezza, cambiamenti nei modelli di sudorazione e difficoltà a urinare.

Ciò non solo rafforza l'idea che i problemi che coinvolgono i nervi periferici possono influenzare molto di più della sensazione della pelle, ma ancora una volta descrive una presentazione clinica stranamente vicina a quella osservata nelle persone che soffrono di effetti legati ad antidepressivi, o ciò che a volte viene chiamato ritiro prolungato.

Quindi, stiamo ponendo la domanda: gli antidepressivi causano la neuropatia delle piccole fibre, e questo è coinvolto in PSSD, PGAD e ritiro prolungato?


Analisi


Fino a poco tempo fa la diagnosi di neuropatie delle piccole fibre non era semplice e per questo motivo queste condizioni sono rimaste relativamente inesplorate. Attualmente ci sono due test principali disponibili, ma prima, vale la pena spiegare quale tipo di test non è adatto.

Quando i pazienti visitano il loro medico citando disturbi di sensazione come intorpidimento o dolore, che per più di un secolo un medico collegherà alla neuropatia periferica, vengono spesso inviati per uno studio di conduzione nervosa. Ciò comporta il passaggio di impulsi elettrici attraverso le braccia e le gambe e la misurazione del risultato con una macchina per valutare l'efficienza dei nervi. Il problema è che questi test indagano solo sulle grandi fibre nervose. I pazienti con neuropatia delle piccole fibre tipicamente hanno risultati normali sugli studi di conduzione nervosa. Il rischio è che ti verrà detto che non c'è niente di sbagliato in te - è tutto nella tua mente.


Test sensoriali quantitativi


Il primo tipo di test specificamente utilizzato per valutare la neuropatia delle piccole fibre è il test sensoriale quantitativo (QST - Quantitative Sensory Testing). Dispositivi che producono piccole vibrazioni e temperature calde e fredde sono posizionati contro la mano e il piede del paziente, e viene loro chiesto se possono sentire la sensazione. I risultati vengono utilizzati per produrre un grafico che indica eventuali anomalie nelle soglie termiche e vibratorie del paziente. Sebbene questo possa essere un utile test per rilevare la presenza di una sensazione compromessa, non mostra in modo specifico che il problema sia periferico. In altre parole, mostra che la pelle del paziente è intorpidita, ma la fonte di tale intorpidimento potrebbe essere nella pelle, nella colonna vertebrale, nel cervello o in qualsiasi altra via di mezzo. Tuttavia, è non invasivo e può dimostrare utilmente che esiste effettivamente un problema che può essere misurato.


Biopsia della pelle


Il secondo tipo di test è una biopsia cutanea con valutazione della densità delle fibre nervose intraepidermiche (IENFD). Questi test risalgono a poco più di un decennio fa ed hanno iniziato ad essere utilizzati in molti contesti clinici.

Viene estratta una piccola quantità di pelle, generalmente di circa 3 mm di diametro, un decimo di pollice, di solito dalla parte inferiore della gamba. Di solito è fatto in anestesia locale. La pelle rimossa viene quindi analizzata per verificare la densità delle fibre nervose.

Questo significa che devo avere una biopsia cutanea del mio pene o delle mie labbra? No. Nel caso sia di PSSD che di PGAD, insieme al ritiro e anche a PRSD e PFS, la nostra impressione è che il danno sia piuttosto esteso. Il disturbo genitale potrebbe essere di gran lunga la cosa più ovvia, ma in quasi tutti i casi ci sarà anche un disturbo di input sensoriale in altre aree.

Ad esempio, nel caso dell'eritromelalgia dei piedi, la biopsia viene eseguita sopra la caviglia. Con la PSSD, specialmente se le sensazioni di disturbo si estendono alla parte interna della coscia o all'inguine come spesso accade, è possibile testarle ma in realtà con ritiro e PSSD ci sono buone possibilità di testare quasi ovunque.


Microscopia confocale corneale


Mentre il test sensoriale quantitativo (QST) e la biopsia cutanea sono considerati i metodi standard per indagare la neuropatia delle piccole fibre, l'ultima novità al riguardo è un altro test chiamato microscopia confocale corneale. Ciò comporta l'acquisizione di una scansione dell'occhio del paziente. I suoi sostenitori affermano che è più preciso del QST o di una biopsia cutanea. Al momento, non siamo sicuri di ciò che è coinvolto o se è disponibile al di fuori di un ambiente di ricerca.

La documentazione che ha portato questo alla nostra attenzione ha caratterizzato i casi di due adolescenti con disturbi dei loro piedi e delle gambe, come l'eritromelalgia di cui sopra. In questo caso i disturbi dei loro nervi sensoriali potrebbero essere catturati nei loro occhi.

In tutti questi casi di PSSD e di sindrome da sospensione, è probabile che vi siano disturbi piuttosto estesi in tutto il corpo e questi cambiamenti periferici in molti casi spiegheranno i cambiamenti apparentemente centrali come il sonno disturbato, i problemi di memoria e la perdita di libido.


Aiuto


Abbiamo bisogno che qualcuno legga questo per aiutarci a scoprire dove questi test possono essere fatti (ad esempio quali ospedali o cliniche) e quanto costano. Potresti trovare i test elencati sotto il dipartimento di neurologia di alcuni siti web di ospedali. Oppure potresti provare a scrivere al dipartimento di neurologia dell'ospedale locale per chiedere se eseguono questi test e, in caso contrario, dove sarebbe il tuo ospedale più vicino.

Abbiamo anche bisogno di affetti da PSSD e da ritiro complesso che effettuino il test sensoriale quantitativo (QST) o una biopsia cutanea, o idealmente entrambi, e farci sapere i risultati. Se qualcuno riesce a organizzare questi test, ti preghiamo di farci sapere come lo hai fatto, come è andato, quanto è costato e quali sono stati i risultati.

Potremmo essere in grado di generare lettere di referenze, sia a un medico di famiglia che a uno specialista, in particolare per chiunque abbia presentato un rapporto RxISK su PSSD, PRSD, PFS o un ritiro duraturo.

Avere anche poche persone che portino a scoprire anomalie ci metterebbe in una posizione incommensurabilmente più forte per aumentare la consapevolezza della PSSD e capire la fisiologia dietro di essa.

Trasformerebbe anche totalmente il dibattito sul ritiro.


Fonte: https://rxisk.org/pssd-withdrawal-small-fiber-neuropathy/

1 commento:

  1. io dopo aver preso citalopram ho problemi, tipo diarrea, gonfiore allo stomaco, ora ci vorrebbe un medico legale ed avvocato.

    RispondiElimina