21 giugno 2018

Antidepressivi e Voglie di Alcol

Portato a bere: antidepressivi e voglie di alcol


15 ottobre 2012, Rxisk.org



Autore: Anne-Marie

Mi è stato chiesto di scrivere questa storia per sensibilizzare su uno strano effetto collaterale del trattamento e sui miei sforzi per arrivare fino in fondo.

Prima che iniziassero i miei problemi, lavoravo come assistente sanitaria nel mio ospedale locale nel Surrey per cinque anni. Mi piaceva il mio lavoro. Ho avuto una vita stabile. Ho posseduto la mia casa e la mia auto.

Dopo la morte improvvisa e devastante di mio padre, sono diventata ansiosa e in un periodo di un anno ho sviluppato una paura del soffocamento che è peggiorata al punto che stavo evitando il cibo e perdendo peso. Mi sono resa conto che avevo bisogno di aiuto.

Sono andata dal mio medico di famiglia e mi è stata prescritta paroxetina 20 mg in forma liquida perché non potevo ingerire le compresse. Avevo nausea, vertigini, mi sentivo distanziata e distaccata ma il mio dottore mi ha assicurato che questi sintomi si sarebbero sistemati.

Dopo alcuni mesi le cose hanno iniziato a migliorare. Ho notato che il mio mangiare era tornato alla normalità. Mi sentivo molto più energica e più fiduciosa ed ero in grado di completare una giornata di lavoro senza sentirmi svuotata ed esausta. Ho ricominciato a socializzare.

Le avvertenze mi avevano rassicurato che era abbastanza sicuro bere un po' con gli amici


Per cominciare ero preoccupata di bere alcolici con il farmaco. Ho controllato il foglietto illustrativo per il paziente che mi dava, a mio parere, un lieve avvertimento sul fatto che "sebbene sia sempre consigliabile evitare l'alcol durante l'assunzione di farmaci, non sono note interazioni con Paroxetina e alcool". Questo mi ha rassicurato sul fatto che fosse abbastanza sicuro prendere qualche drink con gli amici.

All'inizio era solo qualche bicchiere di vino, ma lentamente col tempo ho bevuto sempre di più. Ho iniziato a dire e a fare cose di cui più tardi non mi ricordavo. Sono stata bandita da ristoranti e bar nella mia città e sono diventata un imbarazzo per i miei amici. Alla fine alcuni miei amici e parenti stretti si sono allontanati da me. Stavo perdendo tutti intorno a me e ho perso il controllo della mia vita, ma non mi importava. Mi sentivo come se fossi in un sogno e che nulla di tutto questo fosse reale.

Sono diventata verbalmente aggressiva e il mio comportamento è stato imprudente. In un'occasione sono uscita da una finestra Velux e sul mio tetto. Non stavo cercando di uccidermi. Non ho nemmeno considerato i pericoli di quello che stavo facendo.

Ho iniziato a mettermi nei guai con la polizia, principalmente per continue telefonate alla stazione di polizia. Questo è successo regolarmente quando stavo bevendo. A volte li chiamavo da 20 a 30 volte a notte sul loro numero non di emergenza con solo un ricordo molto vago di farlo. Mi hanno fatto arrestare in numerose occasioni.

Ho iniziato a sentire che qualcosa non andava


Dopo essere stata arrestata più volte ho iniziato a sentire che qualcosa non andava. Ho iniziato a prendermi una pausa dal lavoro. Avevo voglie per l'alcol che erano così intense che sentivo di essere posseduta. Avrei cominciato a bere senza potermi più fermare. Avrei continuato fino all'arresto o al collasso in coma. Le cose stavano andando molto fuori controllo. Mi sentivo sola con il mio problema e non riuscivo a capire perché mi stavo comportando così. Sentivo che nessuno capiva cosa mi stava succedendo o che gli importasse.

Ho iniziato a cercare su internet per trovare una risposta e ho trovato altre persone che segnalavano le voglie di alcol sui farmaci SSRI su molti siti web. Questo mi ha davvero scioccato. Eppure nessuno nella professione medica sembrava essersene accorto. Perché? La prima volta che ho visto uno psichiatra mi è stato detto che era dovuto al mio problema con l'alcol.


Voglie spaventose incontrollabili terribili


Sapevo che stavo bevendo troppo ma avevo anche terribili voglie incontrollabili per l'alcol. Ho stampato alcune delle informazioni da internet e le ho portate al mio medico e ho cercato di spiegare che pensavo che il farmaco mi stesse dando voglie intense per l'alcol.

Il mio dottore era molto comprensivo ma non convinto. Ancora una volta mi è stato detto che avevo un problema con l'alcol ed esprimevo diniego. Tuttavia accettò di cambiare le mie medicine e mi prescrisse 20 mg di citalopram. Sono stato indirizzata alla mia farmacia locale e alla clinica per l'alcol.

Dopo il passaggio al citalopram nel corso di un paio di mesi, mi sono sentita meno aggressiva. Tuttavia, le mie voglie di alcol erano più forti che mai e non riuscivo ancora a smettere di bere. Le cose sono aumentate ulteriormente senza controllo. Ho trascorso del tempo in prigione, sono stata sospesa e infine licenziata dal lavoro che amavo. Anche un paio di mesi senza alcool in riabilitazione, dove mi è stato fornito un aiuto e un sostegno schiaccianti, non è stato sufficiente a fermare il modello continuando non appena sono tornata a casa.


Ormai avevo abbandonato gli esperti ... che mi accusavano di negare


Ormai avevo rinunciato a provare a dire al mio team di medici che pensavo che fossero i miei farmaci a causare i problemi. Sono stata accusata di aver negato l'alcolismo, ma ero certa che queste voglie intense per l'alcol venivano indotte dall'SSRI.

Prima di aver cercato altri con problemi simili, ora ho iniziato a cercare risposte. Per prima cosa ho cercato su google le voglie dell'alcol indotte dalla paroxetina e poi dal citalopram. Le prime pagine web che ho trovato provenivano dai forum di depressione e siti simili in cui le persone condividevano le loro storie sulle stesse voglie di alcol e in cerca di risposte. Mi sono imbattuto nella International Coalition for Drug Awareness, nel Seroxat Users Support Group e nel sito Web Seroxat Secrets, dove molte persone riportavano la stessa cosa.

Ho deciso di iniziare a consultare i documenti di ricerca ma non sono riuscita a trovarne alcuno sugli SSRI e sulle voglie di alcol. Poi ho letto un messaggio su uno dei forum che menzionava uno studio di Yale del 1994 che aveva un collegamento con la serotonina. Questo mi ha spinto a leggere sull'alcolismo e il sistema di serotonina.


Non ci sono state risposte facili a questo


Ho letto molti articoli che ho solo vagamente capito. Ho dovuto imparare tutto sui recettori della serotonina, trasportatori e neuroni per capire i documenti di ricerca che stavo leggendo. Ho dovuto lasciare parecchie volte in sospeso questo studio e poi riprenderlo per come la mia testa mi faceva male nel cercare di capirlo. Ho quasi rinunciato a guardare più volte, ma non potevo perché sapevo che la risposta era lì da qualche parte. Ho appreso che c'erano sette recettori della serotonina ed ero molto delusa nell'apprendere che c'erano ancora più recettori collegati a questi recettori. C'era anche un solo recettore che aveva un accesso alla dopamina che era il recettore S-3. Ora avevo bisogno di imparare che cosa facevano tutti questi recettori diversi e di vedere se qualcuno fosse collegato alle voglie dell'alcol. Non ci sono state risposte facili a questo.


Sono stato davvero così per dieci anni?


Volevo liberarmi dal citalopram. Sapevo che mi stava rovinando la vita. Nel primo mese non potevo credere al cambiamento in me. Mi sentivo come se mi avessero restituito la vista e l'udito di nuovo. Ho provato meraviglia di tutto ciò che mi circondava. Ero davvero stata così per dieci anni e non l'avevo capito? Quasi immediatamente le voglie per l'alcol si sono ridotte di circa il 50%.

Ma uscire dal farmaco non è stato facile e ho attraversato due mesi di angoscia con sbalzi d'umore estremi, attacchi di panico, sensibilità al rumore, sensazione di avere l'influenza con innumerevoli dolori. Non sono riuscita a farcela, quindi sono tornata dal mio medico di famiglia e sono stata sottoposta a mirtazapina 15 mg, che è stata successivamente aumentata a 30 mg poiché la sindrome delle gambe senza riposo era a dose più bassa. (Avevo visto su Internet che un'altra donna ha avuto un'esperienza simile a me con la mirtazapina 15 mg che è scomparsa a 30 mg).


Mi sono resa conto che la mirtazapina potrebbe avere la risposta


Le mie voglie se ne sono andate completamente. Mi sono resa conto che la mirtazapina potrebbe avere la risposta. Sapevo che funzionava in modo diverso dagli SSRI.

Ho cercato farmaci per l'alcolismo e mi sono imbattuta in un farmaco chiamato ondansetron, che funziona bloccando il recettore S3 ed eliminando le voglie. Ho scoperto che anche la mirtazapina blocca i recettori S3.

Ho cercato alcolismo e recettori S3 e ho scoperto che l'S3 era l'unico recettore della serotonina che aveva un accesso alla dopamina e un articolo "Varianti genetiche funzionali che aumentano la serotonina sinaptica e la sensibilità del recettore 5HT3 predicono dipendenza da alcol e droga". Sono rimasta stupita. Ha senso che se alcune persone hanno un legame genetico all'alcolismo mediato attraverso il sistema della serotonina, gli SSRI potrebbero aumentare questa sensibilità e la mirtazapina può bloccarla.

Ho anche appena trovato un altro articolo di ricerca che è stato condotto su topi nel 1990 che ha anche scoperto che se l'S3 veniva bloccato nei topi, impediva ai topi di bere alcolici.


Ora so cosa mi è successo


Mi ci è voluto molto tempo, leggendo e imparando, ma ora ho capito perché ho avuto desideri così intensi per l'alcol durante l'assunzione di SSRI.

Mi fa arrabbiare che non abbiamo mai avuto avvertimenti come fanno negli Stati Uniti. Perché non eravamo protetti qui nel Regno Unito con avvertimenti appropriati allo stesso modo? Se il mio medico avesse saputo che gli SSRI potevano causare voglie di alcol in alcune persone, mi avrebbe tolto questi farmaci ai primi segni del bere.

Questo mi avrebbe salvato anni di sofferenza e forse aiutato anche molte altre persone. Sono sicura che questo è un problema più comune di quanto si pensi. Oltre a tutte le persone che ho incontrato riportanti questi effetti su vari siti internet, ho incontrato molte persone che hanno avuto problemi simili o che conoscono persone che hanno avuto anche problemi con questi farmaci.

Le persone con questi farmaci sono comunque vulnerabili ed è preoccupante pensare a quante persone potrebbero bere in eccesso in tutto il paese a causa della brama di alcol causata dal trattamento. È assurdo dare l'impressione che questi farmaci siano relativamente sicuri con l'alcol se le compresse causano a qualcuno di provare voglie intense. È preoccupante anche il fatto che sia la droga sia l'alcol possano causare confusione, disorientamento, ipomania, aggressività e pensieri e comportamenti ossessivi e bizzarri e che la combinazione in alcune persone possa peggiorare la situazione.

Mi ha portato a guardare alle esperienze di altre persone per informazioni riguardanti i farmaci in quanto sembrano essere più precisi e onesti nelle loro scoperte rispetto alle aziende, ai regolatori o ai medici.


È assurdo che i pazienti debbano incontrarsi su Internet per confrontare i loro effetti collaterali e discutere dei loro problemi perché non c'è nessun altro posto dove andare. Mi ha fatto guardare alle esperienze di altre persone per informazioni riguardanti i farmaci in quanto sembrano essere più precisi e onesti nelle loro scoperte rispetto alle aziende, ai regolatori o ai medici.

Non mi rendevo conto fino a quando non sono uscita dal farmaco quanto ero cattiva. Mi vergogno e mi sento in colpa per quello che ho fatto passare alla gente. Ho perso il lavoro, ho dovuto trasferirmi di casa, avere precedenti penali e perdere il rispetto della famiglia e degli amici. Tutto ciò avrebbe potuto essere evitato se ci fossero stati avvertimenti adeguati e comunicazioni efficaci tra le diverse autorità.

Ho visto il mio medico in pensione di recente ad Asda e mi ha chiesto se fossi tornata a Nursing. Gli ho detto di no, non potrò mai tornare indietro dopo quello che mi è successo. Non disse niente e se ne andò. Non volevo sembrare come se lo stessi incolpando, ma penso che sentisse che era quello che stavo facendo. Mi sentivo in colpa dopo. Non biasimo affatto il mio GP, incolpo le compagnie farmaceutiche e MHRA. Ciò che mi infastidisce è che anche il Dipartimento della Salute ha scritto al mio MP in pratica attribuendo la colpa al medico di famiglia che, secondo loro, avrebbe dovuto notare eventuali cambiamenti nel mio comportamento.

Voglio raccontare la mia storia come un monito per chiunque stia bramando alcol con gli SSRI. Voglio anche dire alla gente che a volte è un errore lasciarlo agli esperti. E infine voglio dire ai dottori che i tuoi pazienti possono spesso vedere che le informazioni che ricevono sono sbagliate - non ti incolpiamo per questo, vogliamo solo che tu ci ascolti.
(Lo straordinario colpo di coda qui è come il regolatore riesce sia a negare l'esistenza di questo problema sia a incolpare il medico allo stesso tempo, il che sta diventando sempre più comune nei moderni sistemi sanitari - David Healy).

Questo post e i commenti su davidhealy.org (allegato a Out of my mind: Driven to drink) offrono un caso convincente secondo cui gli antidepressivi possono peggiorare significativamente l'abuso di alcool.

Aggiornamento: vedi il documento pubblicato, Novantatre casi di dipendenza da alcol dopo il trattamento con SSRI.


Fonte: https://rxisk.org/driven-to-drink-antidepressants-and-cravings-for-alcohol/

Nessun commento:

Posta un commento