30 maggio 2019

Tapering of SSRI treatment to mitigate withdrawal symptoms (2019)


2019 Jun;6(6):538-546. doi: 10.1016/S2215-0366(19)30032-X. Epub 2019 Mar 5.

Tapering of SSRI treatment to mitigate withdrawal symptoms.

Author information

1
Prince of Wales Hospital, Sydney, NSW, Australia; Health and Environment Action Lab, London, UK. Electronic address: mark_horo@hotmail.com.
2
Institute of Pharmaceutical Science, King's College London, London, UK.

Abstract

All classes of drug that are prescribed to treat depression are associated with withdrawal syndromes. SSRI withdrawal syndrome occurs often and can be severe, and might compel patients to recommence their medication. Although the withdrawal syndrome can be differentiated from recurrence of the underlying disorder, it might also be mistaken for recurrence, leading to long-term unnecessary medication. Guidelines recommend short tapers, of between 2 weeks and 4 weeks, down to therapeutic minimum doses, or half-minimum doses, before complete cessation. Studies have shown that these tapers show minimal benefits over abrupt discontinuation, and are often not tolerated by patients. Tapers over a period of months and down to doses much lower than minimum therapeutic doses have shown greater success in reducing withdrawal symptoms. Other types of medication associated with withdrawal, such as benzodiazepenes, are tapered to reduce their biological effect at receptors by fixed amounts to minimise withdrawal symptoms. These dose reductions are done with exponential tapering programmes that reach very small doses. This method could have relevance for tapering of SSRIs. We examined the PET imaging data of serotonin transporter occupancy by SSRIs and found that hyperbolically reducing doses of SSRIs reduces their effect on serotonin transporter inhibition in a linear manner. We therefore suggest that SSRIs should be tapered hyperbolically and slowly to doses much lower than those of therapeutic minimums, in line with tapering regimens for other medications associated with withdrawal symptoms. Withdrawal symptoms will then be minimised.
PMID:
30850328
DOI:
10.1016/S2215-0366(19)30032-X

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30850328




Assottigliamento della dose nel trattamento con SSRI per ridurre i sintomi da astinenza


Abstract

Tutte le classi di farmaci che vengono prescritti per il trattamento della depressione sono associate a sindromi da astinenza. La sindrome da astinenza da SSRI si presenta spesso e può essere grave e potrebbe costringere i pazienti a ricominciare la terapia. Sebbene la sindrome da astinenza possa essere differenziata dalla recidiva del disturbo sottostante, potrebbe anche essere confusa con la recidiva, portando a farmaci non necessari a lungo termine. Le linee guida raccomandano brevi coni (periodi di riduzione della dose), tra 2 settimane e 4 settimane, fino a dosi minime terapeutiche, o dosi semivalenti, prima della cessazione completa. Gli studi hanno dimostrato che questi coni mostrano benefici minimi rispetto alla sospensione brusca e spesso non sono tollerati dai pazienti. Assottiglia per un periodo di mesi e fino a dosi molto inferiori alle dosi terapeutiche minime hanno dimostrato un maggiore successo nel ridurre i sintomi di astinenza. Altri tipi di farmaci associati al ritiro, come le benzodiazepine, sono ridotti gradualmente per ridurre il loro effetto biologico sui recettori tramite quantità fisse per minimizzare i sintomi di astinenza. Queste riduzioni di dose vengono eseguite con programmi di riduzione progressiva esponenziale che raggiungono dosi molto ridotte. Questo metodo potrebbe avere rilevanza per il tapering degli SSRI. Abbiamo esaminato i dati di imaging PET dell'impiego del trasportatore di serotonina dagli SSRI e abbiamo scoperto che la riduzione iperbolica delle dosi di SSRI riduce il loro effetto sull'inibizione del trasportatore della serotonina in modo lineare. Pertanto, suggeriamo che gli SSRI dovrebbero essere scalati iperbolicamente e lentamente a dosi molto più basse di quelle dei minimi terapeutici, in linea con i regimi di assottigliamento di altri farmaci associati ai sintomi di astinenza. I sintomi di astinenza saranno quindi ridotti al minimo.