31 agosto 2019

Psychology Today: Sindrome da Sospensione da Antidepressivi e Consenso Scientifico (26 agosto 2019)

Perché la psichiatria accademica ha impiegato due decenni per riconoscere la condizione?




Un cambiamento nel consenso scientifico può essere difficile da individuare, tanto meno misurarlo accuratamente, ma le sue cause ed effetti sono ancora importanti da valutare.
Ciò è particolarmente vero per l' Antidepressant Withdrawal (AW) cioè la Sindrome da sospensione da antidepressivi, che ha impiegato più di due decenni per essere riconosciuta e che ora sta iniziando a ricevere la copertura mediatica e di ricerca che merita, dati i milioni di pazienti colpiti in tutto il mondo.
La scorsa settimana, il periodico di Cambridge Epidemiology and PsychiatricSciences ha pubblicato "Antidepressant Withdrawal — The Tide Is Turning", un articolo dei principali ricercatori europei Michael P. Hengartner, James Davies e John Read che documenta il ritardo prolungato della psichiatria nel riconoscere l'AW come un vero e proprio disturbo medico. "La narrativa preferita", scrivono, era che la condizione ammontava a sintomi che "colpiscono solo una piccola minoranza, sono per lo più lievi e si risolvono spontaneamente entro 1-2 settimane".
Gli antidepressivi SSRI dimostrano invece "tassi di reazioni di astinenza notevolmente elevati ... poco dopo l'interruzione", scrivono, con indicatori medici anche dopo una riduzione lenta e attenta tra cui " ansia , irritabilità, agitazione, disforia, insonnia , affaticamento, tremore, sudorazione, sensazioni simili a scosse ("disturbi del cervello"), parestesia ("formicolio"), vertigini, nausea, vomito, confusione e riduzione della concentrazione ".
Fino a poco tempo fa, la narrativa "lieve, minoritaria e auto-risolutiva" era la posizione ufficiale dell'American Psychiatric Association (APA) e del National Institute for Health and Care Excellence (NICE) del Regno Unito. Che, a loro volta, determinarono le linee guida adottate in entrambi i paesi da quando i primi antidepressivi SSRI (Prozac, Zoloft e Paxil) furono approvati alla fine degli anni '80 e all'inizio degli anni '90.
La narrazione preferita potrebbe essere stata costruita sulla sabbia. La base di prove per l'AW era drammaticamente scarsa perché i problemi di astinenza e sospensione legati a tali farmaci di successo erano stati per anni quasi completamente non studiati.
"Ci sono voluti quasi due decenni dopo che gli [SSRI] sono entrati nel mercato per la prima revisione sistematica da pubblicare", osservano i ricercatori. "Sono seguite altre recensioni" e quelle, a loro volta, hanno rafforzato "che l'opinione dominante e di lunga data ... era in contrasto con la base di prove scarsa ma crescente"
Contrasta il silenzio quasi totale su l'AW con il sorprendente promemoria che, mentre i tassi di prescrizione sono aumentati drasticamente nei paesi dell'OCSE per quei due decenni, "quasi 200 meta-analisi sull'efficacia degli antidepressivi di nuova generazione sono [state] pubblicate tra il 2007 e il 2014, molte con il coinvolgimento del settore ".
Definirlo "sproporzionato" significherebbe dirlo leggermente. Scrivono, "nel corso degli anni c'è stata una carenza di ricerca empirica su questo importante problema [AW]". Questi rapporti di pubblicazione ci dicono chiaramente che l'efficacia è un argomento che l'industria sponsorizzerà e promuoverà all'infinito, mentre risultati equivoci o negativi rimarranno senza studi e inediti, rivisti da un risultato commutato, o semplicemente annegati dalla "narrativa preferita.
Progresso di Paxil
Messaggi sul forum, novembre 2004 - dicembre 2014
Fonte: Paxil Progress
La psichiatria accademica, scrivono Hengartner, Davies e Read, "si è aggrappata a lungo all'illusione che le reazioni di astinenza o i sintomi di sospensione siano problemi minori che colpiscono solo una piccola minoranza e che si risolvono spontaneamente".
Ciò ha significato rivolgere un orecchio sordo alle centinaia di migliaia di post online di pazienti, curanti e parenti, per due decenni la più chiara indicazione di effetti medici avversi, essi stessi una diretta conseguenza dei modelli di prescrizione della psichiatria.
Un meta-studio particolarmente ben documentato - "Una revisione sistematica dell'incidenza, della gravità e della durata degli effetti di astinenza da antidepressivi" - ha attinto la stampa mondiale lo scorso ottobre. Anche se ha confermato precedenti indagini, è diventato il bersaglio di "alcuni attacchi sorprendentemente feroci sia sulla rivista che sugli autori personalmente da importanti psichiatri britannici".
Incredibilmente, nonostante anni di silenzio e abbandono del problema, gli stessi psichiatri che hanno deciso di attaccare, minimizzando nel contempo i loro legami finanziari con l'industria, hanno insistito sul fatto che ora ci fosse effettivamente una "Guerra agli antidepressivi.”.
Il linguaggio stava dicendo: un segno di quanto la psichiatria accademica ferocemente avesse combattuto per mantenere il silenzio su questo, dato che voleva etichettare come "anti-psichiatria" coloro che erano intenti a documentare gli effetti empirici delle droghe. Anche riferire sull'AW a beneficio dei suoi numerosi malati era visto come un attacco ai difensori più ardenti e ben pagati degli SSRI.
Nel frattempo, per un pubblico troppo grande per essere ignorato, gli stessi psichiatri hanno scritto dei loro effetti avversi persistenti, che hanno documentato come "strani, spaventosi e tortuosi". Esperienze che durano settimane, sottolineando per coloro che sono ancora inclini a non credere che ci sia davvero un problema, di enorme portata, vista la portata delle prescrizioni.
Sembrava che gli psichiatri stessi soffrissero di AW prima che abbastanza persone potessero ascoltare. Uno di questi psichiatri in Scozia fu quindi soggetto allo stesso tipo di "illuminazione a gas" (sue parole) dai colleghi del Royal College of Psychiatry di Londra. Apparentemente, erano così innamorati della narrativa preferita che anche per il contestare del loro collega hanno sollevato accuse che stava lottando con la malattia mentale.
Questo è ciò che accade quando una narrativa preferita crolla sotto il peso di una contro-prova a lungo repressa. Coloro che hanno investito decenni e carriere nelle sue assunzioni probabilmente cercheranno di aggrapparsi alle sue illusioni, apparentemente inconsapevoli del fatto che nel farlo stiano disinformando i loro pazienti sull'alta probabilità di AW e altri effetti avversi.
NICE, apprendiamo, si è "impegnato a rivedere la sua posizione, sostenuta per oltre 14 anni, che il ritiro dagli antidepressivi è generalmente lieve, risolvendosi in circa una settimana", un impegno che deve ancora portare a significativi cambiamenti politici, ma si spera. L'APA non ha ancora dato alcun segno del genere, sembrando preferire il silenzio e l'inerzia alla riforma, perché rimanda una seria resa dei conti con la sua narrativa ventennale sugli antidepressivi come correttivi di uno "squilibrio chimico".
Il nuovo documento "Il ritiro dagli antidepressivi: la marea sta cambiando", scrive Joanna Moncrieff, professore di psichiatria all'University College di Londra, "fa parte di una serie di articoli sugli effetti avversi persistenti degli antidepressivi, con un altro sulla disfunzione sessuale post SSRI [di prossima pubblicazione]. Questi sottolineano come gli antidepressivi interrompano i normali processi biologici e l'interruzione può durare a lungo. "
Se la marea sta finalmente cambiando, allora Hengartner, Davies, Read e Moncrieff sono tra quelli che meritano credito per le sue implicazioni che cambiano il mondo per la medicina e il trattamento della depressione e dell'ansia. Uno di questi effetti è che non possiamo più fingere di nonsapere che l'AW è diffusa, spesso "grave" e può durare mesi, persino anni. La domanda è: per quanto tempo dobbiamo aspettare tutti prima che gli organi ufficiali si mettano al passo?
Nota:  data la scala e la gravità del ritiro dagli antidepressivi, si consiglia vivamente ai pazienti preoccupati per gli effetti avversi dei farmaci di non interrompere bruscamente il trattamento, ma invece di assottigliare attentamente e gradualmente le microdosi nell'arco di diversi mesi, sempre in consultazione con il proprio medico, per garantire la propria sicurezza.
Informazioni specialistiche sottoposte a revisione inter pares su problemi di sospensione sono disponibili sul sito web  Surviving Antidepressants, con un forum specifico sul "Tapering” ("scalaggio"). Gran parte della prima bibliografia sulla sospensione è anche dettagliata in questo post del 2011 su “Effetti collaterali ”.
Riferimenti
Hengartner MP, Davies J, Read J. (2019). Ritiro dagli antidepressivi: la marea sta finalmente cambiando. Epidemiologia e scienze psichiatriche 1-3. https://doi.org/10.1017/S2045796019000465 (22 agosto). Link]

Fonte: https://www.psychologytoday.com/sg/blog/side-effects/201908/antidepressant-withdrawal-and-scientific-consensus