13 settembre 2019

Sexual Side Effects of Antidepressant Medications: An Informed Consent Accountability Gap (2008)


Volume 39, Issue 2pp 135–143|

Sexual Side Effects of Antidepressant Medications: An Informed Consent Accountability Gap


Audrey S. Bahrick (1), Mark M. Harris

1. University Counseling Service, The University of Iowa, Iowa City, USA

Abstract

Sexual side effects of antidepressant medications are far more common than initially reported, and their scope, quality, and duration remain poorly captured in the literature. Antidepressant treatment emergent sexual dysfunctions may decrease clients’ quality of life, complicate psychotherapy, and damage the treatment alliance. Potential damage to the treatment alliance is greatest when clients have not been adequately informed of risks related to sexual side effects. It had previously been assumed that sexual side effects always resolve shortly after medications are discontinued. Emerging evidence, however, suggests that in some individuals, sexual dysfunction side effects may persist indefinitely. The authors argue that all psychologists should be well-informed about sexual side effects risks of antidepressant medications, should routinely conduct a pre-medication baseline assessment of sexual functioning, and take an active role in the informed consent process.

Keywords: Antidepressant sexual side effects SSRIs Sexual dysfunction Iatrogenic Informed consent


Link https://link.springer.com/article/10.1007/s10879-008-9094-0 
Full text
https://www.researchgate.net/publication/225332168_Sexual_Side_Effects_of_Antidepressant_Medications_An_Informed_Consent_Accountability_Gap





Effetti Collaterali Sessuali dei Farmaci Antidepressivi: un Vuoto di Responsabilità nel Consenso Informato


Gli effetti collaterali sessuali dei farmaci antidepressivi sono molto più comuni di quanto inizialmente riportato e il loro esito, entità e durata rimangono scarsamente catturati in letteratura. Le disfunzioni sessuali emergenti del trattamento antidepressivo possono ridurre la qualità della vita dei pazienti, complicare la psicoterapia e danneggiare l'alleanza terapeutica. Il danno potenziale all'alleanza terapeutica è maggiore quando i clienti non sono stati adeguatamente informati dei rischi correlati agli effetti collaterali sessuali. In precedenza era stato ipotizzato che gli effetti collaterali sessuali si risolvessero sempre poco dopo l'interruzione dei farmaci. Prove emergenti, tuttavia, suggeriscono che in alcuni individui, gli effetti collaterali della disfunzione sessuale possono persistere indefinitamente. Gli autori sostengono che tutti gli psicologi dovrebbero essere ben informati sui rischi degli effetti collaterali sessuali dei farmaci antidepressivi, dovrebbero condurre abitualmente una valutazione di base pre-trattamento del funzionamento sessuale e assumere un ruolo attivo nel processo di consenso informato.