25 settembre 2019

PSSD: Esperienze del coinvolgimento dei pazienti con gli operatori sanitari (2019)




International Journal of Risk & Safety in Medicine xx (20xx) x–xx
DOI 10.3233/JRS-191005
IOS Press

Disfunzione sessuale post-SSRI: esperienze del coinvolgimento dei pazienti con gli operatori sanitari.


David Healy (a),∗, Joanna Le Noury (a) and Dee Mangin (b)

a) North Wales Department of Psychological Medicine, Bangor, Wales, UK
b) David Braley and Nancy Gordon Chair of Family Medicine, Department of Family Medicine, McMaster University, ON, Canada


Abstract

OBBIETTIVO: Una petizione all'Agenzia europea per i medicinali ha offerto l'opportunità di raccogliere segnalazioni di uno specifico evento avverso da parte di pazienti e operatori sanitari, insieme a dettagli sugli atteggiamenti dei medici quando viene chiesto di approvare le segnalazioni dei pazienti.

METODI: Abbiamo contattato una coorte di pazienti che riportavano disfunzione sessuale post-SSRI (PSSD) a un sito Web per la segnalazione di eventi avversi, RxISK.org. Le risposte dei pazienti sulle loro interazioni con gli operatori sanitari sono state oggetto di un'analisi qualitativa.

RISULTATI: Un totale di 62 partecipanti provenienti da 23 paesi hanno fornito dettagli delle loro esperienze. Mentre alcuni avevano ricevuto supporto e convalida della loro condizione, molti descrivevano una serie di difficoltà, tra cui la mancanza di consapevolezza o conoscenza sulla PSSD, la mancata elencazione, la ricezione di risposte non simpatiche o inappropriate e il rifiuto di impegnarsi con la letteratura medica pubblicata.

CONCLUSIONI: Gli operatori sanitari sono nervosi o riluttanti a impegnarsi con nuovi problemi in un trattamento. Questo non è molto apprezzato e le ragioni di questa preoccupazione non sono state comprese.


1. Introduzione


Gli antidepressivi inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) producono un intorpidimento genitale quasi immediato con l'assunzione e un certo grado di alterazione della funzione sessuale. Generalmente si pensa che questo svanisca una volta che si interrompe il trattamento. Tuttavia, nel 2006, sono comparsi casi di disfunzione sessuale dopo l'interruzione del trattamento e persistenti per mesi o anni dopo la sospensione [1, 2], prendendo presto il nome Disfunzione sessuale post-SSRI (PSSD) [3]. In seguito divenne chiaro che c'erano stati casi di PSSD riferiti ai regolatori già nel 1991.

RxISK.org è stato lanciato nel 2012 come sito Web per pazienti e medici per segnalare eventi avversi correlati al trattamento. Si prevedeva che sarebbero stati comunemente riportati effetti sessuali sugli antidepressivi, ma era inaspettato che ci sarebbero state segnalazioni regolari di PSSD e comparabili problemi sui retinoidi e finasteride. Ciò ha portato a una pubblicazione RxISK nel 2014 su 120 casi [4] e un articolo di follow-up su 300 casi nel 2018 [5]. Nel 2012, Lareb, il centro di farmacovigilanza olandese, ha messo in guardia sul perdurare della disfunzione sessuale [6]. Nel 2013, la quinta edizione del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5) menziona che la disfunzione sessuale potrebbe persistere dopo che gli antidepressivi inibitori della ricaptazione della serotonina sono stati sospesi [7]. Anche l'etichetta americana per la fluoxetina include ora anche la disfunzione persistente [8].

Sebbene vi sia una certa continuità tra gli effetti originali degli SSRI e la PSSD, questa condizione rappresenta una sfida per i medici in quanto il problema può apparire solo dopo che il farmaco scatenante è stato sospeso e può persistere per anni dopo l'interruzione del farmaco. Nonostante la lunga esperienza d'esempio con la discinesia tardiva, non è irragionevole pensare che i medici potrebbero essere lenti a collegare un farmaco con gli effetti che si verificano dopo la sua interruzione.

Per questo motivo, RxISK ha presentato una petizione alla Food and Drug Administration (FDA) e all'Agenzia europea per i medicinali (EMA) nel maggio 2018 puntando a cambiare le etichette dei prodotti antidepressivi per avvertire sugli effetti sessuali dopo l'interruzione del trattamento [9].

Spinti dal fatto che l'EMA a settembre 2018 aveva avviato una revisione delle disfunzioni sessuali dopo l'interruzione di SSRI e SNRI, gli autori hanno informato l'EMA che diversi soggetti che avevano segnalato questo problema a RxISK erano disposti a condividere il loro nome, indirizzo e-mail e dettagli del loro caso con l'Agenzia, e molti avevano indicato di ritenere di poter ottenere la documentazione di supporto da un professionista sanitario. L'EMA ha accettato questa offerta, ci ha fatto domande alle quali avrebbe voluto risposta e ha fissato un termine di cinque settimane per la presentazione dei materiali.

Molti giornalisti di RxISK avevano precedentemente indicato di aver incontrato incredulità o resistenza dai medici. Per garantire le migliori possibilità di successo al momento di richiedere una lettera, abbiamo suggerito di chiarire che il personale sanitario non doveva concordare sul fatto che l'antidepressivo fosse responsabile della condizione. La richiesta era di una lettera che confermasse l'esistenza della persona, che aveva assunto un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina e che non vi era alcuna altra ovvia spiegazione alle difficoltà che lamentava.

Dopo che i soggetti ci hanno inviato rapporti a loro nome, insieme a una lettera di un professionista sanitario o un'indicazione che non credevano valesse la pena tentare di ricevere una lettera, abbiamo inviato un totale di 82 rapporti all'EMA, di cui 32 comprendevano documentazione giustificativa di un operatore sanitario. Questi includevano un insieme di nuove lettere scritte appositamente per la recensione e lettere cliniche già esistenti a supporto del caso individuale.

Successivamente, abbiamo inviato a coloro che hanno partecipato una serie di domande progettate per esplorare la loro interazione con i clinici e i loro sforzi per stabilire la realtà clinica delle loro condizioni, ad esempio test di laboratorio richiesti e intrapresi. Le loro risposte forniscono i dati per questo articolo.


2. Metodi


Degli 82 individui che hanno segnalato i loro casi all'EMA, 77 sono stati invitati a prendere parte a uno studio sulle loro esperienze quando interagiscono con operatori sanitari. Abbiamo limitato questo argomento a quelli con PSSD ( n = 77) e non con Disturbo da eccitazione genitale persistente ( n = 5).

Un questionario online è stato integrato nel sito Web RxISK.org, ma non è stato reso pubblicamente visibile. Un collegamento al questionario e un codice ID univoco è stato inviato per e-mail a tutti i potenziali partecipanti. Questo ha indagato l'esperienza del partecipante nella richiesta di una lettera di accompagnamento per la revisione dell'EMA e dettagli di precedenti esperienze di coinvolgimento di operatori sanitari in merito alla PSSD (Appendice 1).

Ai partecipanti è stato chiesto se avevano visto un urologo o un ginecologo, se avevano fatto esami del sangue per la valutazione ormonale, se stavano continuando a consultare il prescrittore originale, e se avevano portato della letteratura medica pubblicata a una consultazione.

Alla fine, ai partecipanti è stato chiesto il loro parere sulle loro esperienze e se si sentivano ascoltati e soddisfatti delle cure ricevute. C'era spazio per aggiungere ulteriori commenti.


3. Risultati


Sono stati ricevuti questionari compilati da 62 soggetti (51 maschi e 11 femmine). L'età variava da 19 a 48 anni (media 31 anni) per le femmine e da 20 a 68 anni (età media 35) per i maschi. Gli individui di 23 paesi hanno risposto: Europa ( n = 42), Nord America ( n = 10), Oceania ( n = 4), Asia ( n = 3) e Sud America ( n = 3).

Una ripartizione dei farmaci segnalati è mostrata nella Tabella 1.

Ventisei partecipanti (19 maschi e 7 femmine) si sono rivolti a un operatore sanitario per richiedere una lettera. Sedici (12 maschi e 4 femmine) hanno avuto successo. Una lettera di accompagnamento per uno dei partecipanti (P48) è stata scritta da uno degli autori (DH).

Motivi per non avvicinarsi includevano: il partecipante non pensava che il proprio medico avrebbe aiutato ( n = 22), avevano già documentazione esistente ( n = 5), problemi con la tempistica o la disponibilità di un'assistenza sanitaria professionale ( n = 5), il partecipante non voleva compromettere la relazione con il proprio medico ( n = 1), il medico fa pagare per le lettere ( n = 1) e altri motivi ( n = 2).

Alcuni hanno indicato di aver avuto diversi medici nel corso di un decennio o più da quando hanno PSSD. Nove partecipanti stavano ancora vedendo il medico che aveva prescritto inizialmente il loro antidepressivo.

Cinquantatre partecipanti (85%) erano stati sottoposti a un esame del sangue per la valutazione ormonale. Un partecipante aveva richiesto un esame del sangue ma era stato rifiutato.

Quarantaquattro partecipanti (71%) avevano visto un urologo o un ginecologo. Due erano stati rifiutati, con uno, secondo quanto riferito, a cui è stato chiesto "cosa ha intenzione di farne?" (P60)

Sono emersi nove temi: richiesta di una lettera, consapevolezza / conoscenza della condizione, non essere ascoltati, risposte insensibili, suggerimento di tornare sui farmaci, la risposta alla letteratura medica pubblicata, la mancanza di trattamento, non fare più menzione al problema e l'impatto delle risposte invalidanti.

Tutte le citazioni sono presentate senza correzione di ortografia o grammatica. Parole che sono state rimosse per brevità o anonimato sono contrassegnate da parentesi quadre.


3.1. Richiesta di una lettera

Diversi partecipanti vedevano già operatori sanitari consapevoli delle loro condizioni:

“Ho chiesto al mio medico di famiglia e psicologo. Sapevano già che avevo PSSD e hanno scritto un lettera di supporto". (P32)

Un partecipante ha notato che il suo medico sembrava preoccupato di attribuire il problema all'antidepressivo:

“Ho chiesto al mio nuovo psichiatra se fosse in grado di fornirmi gentilmente la lettera. Ha accettato ma sembrava provare sollievo nel momento stesso in cui non è stato spinto a dire direttamente che lo SSRI aveva causato la mia condizione. ” (P45)

Alcuni non hanno avuto successo nell'ottenere una lettera di accompagnamento per vari motivi:

“Il GP (medico di base) ha detto che non voleva perché non era la persona che mi aveva prescritto lo psicofarmaco."(P8)

"Il mio medico di famiglia mi ha detto di aspettare fino a quando non avessi ricevuto la valutazione da un urologo." (P40)

Due partecipanti hanno scritto al loro medico di famiglia invece di visitarli di persona, uno dei quali ha spiegato il motivo per aver adottato questo approccio:

“Il motivo per cui gliel'ho chiesto scrivendogli, invece di farlo faccia a faccia, è stato che sentivo che non si sarebbe sentito così sotto pressione, o avrebbe avuto motivo di essere sulla difensiva, e che gli avrebbe dato più tempo per digerire le informazioni e finire per scrivere una lettera.” (P6)

Tuttavia, ha riferito: "Non ho mai avuto risposta dal GP".


3.2. Consapevolezza / conoscenza della condizione

Molti partecipanti hanno scoperto che la mancanza di consapevolezza e conoscenza della PSSD tra gli operatori sanitari rappresentava una barriera significativa. Hanno riferito di essere stati informati che una tale complicazione dagli antidepressivi era "impossibile" e che gli operatori sanitari non avevano mai sentito parlare di un simile problema.

Uno ha affermato che il suo medico di famiglia ha dichiarato che gli SSRI erano "innocui" e "ha riso dell'idea che avrebbero potuto causare cambiamenti a lungo termine in un paziente. ”(P19)

Alcuni hanno avuto difficoltà a convincere il loro prescrittore originale che il trattamento aveva causato il problema:

“Ho parlato con il mio medico di base e lei non crede che i miei sintomi possano essere correlati al farmaco che è stato sospeso anni fa. Era il medico che ha prescritto il farmaco". (P44)

Ai partecipanti veniva spesso detto che il problema era tutto nella loro mente:

“Lui ha affermato con disinvoltura che era tutto nella mia testa, se solo premo più forte tutto andrà bene.. nel dire quest'ultima cosa, l'ha fatto con la porta aperta per farmi uscire e allontanarmi più velocemente” (P20)

Scoprire i valori del sangue normali serviva solo a rafforzare l'idea che la disfunzione sessuale dovesse essere psicologica piuttosto che fisica:

“Ogni volta che l'ho menzionato a un medico di medicina generale mi hanno rimandato a uno psichiatra, dopo aver fatto analisi del sangue che sono sempre risultati normali.” (P4)

In alcune occasioni, sono state suggerite altre condizioni fisiche:

"Sorrise e suggerì che forse avevo una malattia sessuale." (P21)

Sebbene alcuni operatori sanitari non fossero disposti ad accettare la natura prolungata delle condizioni dei partecipanti, tuttavia sembravano riconoscere che la funzione sessuale potesse “impiegare un po' di tempo a tornare alla normalità" e che gli effetti collaterali sessuali "potrebbero causare problemi per alcuni mesi dopo la sospensione dei farmaci SSRI":

“Il GP mi ha detto che in realtà non è raro che ci voglia un anno prima che la gente torni normale.” (P6)

Alcuni partecipanti avevano visto terapisti psicosessuali con risultati contrastanti. Quattro sono stati utili nel riconoscere che il problema era di origine farmacologica e non psicologico. Altri incontri hanno avuto meno successo:

“Il consulente psicosessuale ha scritto al mio medico dicendo che gli approcci non funzionavano perché stavo dando la colpa agli SSRI.” (P43)

In alcuni casi, i partecipanti hanno scoperto che anche se il loro medico non aveva visto o sentito parlare della condizione prima, era ancora in grado di riconoscere il problema come un effetto farmacologico:

"Ho parlato con il mio medico di famiglia e ha accettato di leggere studi sulla PSSD e ha confermato la sua esistenza, ma non ha mai avuto un paziente con questa condizione. Mi ha aiutato molto e mi ha indirizzato a un urologo.” (P40)

Dopo essere stato deriso da un precedente medico mentre descriveva la disfunzione sessuale, un partecipant ealla fine ha trovato un GP utile:

“È stata molto più comprensiva e mi ha dato la prima risposta onesta: 'Potrebbe non essere mai più lo stesso.” (P60)

Un partecipante ha descritto di aver visitato un centro medico per un altro problema, ma era programmato di vedere un OBGYN dopo aver menzionato la PSSD al momento di fissare l'appuntamento:

"Lì mi è stato detto che a volte la funzione sessuale non torna alla normalità dopo la sospensione di SSRI, che sanno che questo accade ma non sanno perché.” (P47)

Un partecipante ha descritto di essere stato mandato da professionisti sanitari inizialmente scettici, “Ma ora ammettono che stanno vedendo più pazienti con le mie stesse condizioni e hanno cominciato a ridurre le prescrizioni di questo tipo di farmaco.” (P51)


3.3. Non essere ascoltati

I partecipanti hanno affermato che gli operatori sanitari "ignoravano ciò che dicevo", "evitavano le mie domande" e "non ascoltavano".

Un partecipante ha riferito che un medico non era riuscito a comprendere correttamente i suoi sintomi e ha riportato in modo errato i dettagli della condizione nelle note mediche:

"Non ha nemmeno notato nella mia cartella clinica che gli avevo detto che era stato causato dall'assunzione [dell'antidepressivo]. Invece ha notato in modo inesatto che ero “preoccupato per la mancanza di desiderio sessuale ed erezioni” Non gli avevo detto che la mia libido aveva sofferto poiché non era così, ma lui immediatamente suppose che avesse cause psicologiche e notò che lui "suggeriva facesse parte della malattia mentale"" (P9)

C'era la preoccupazione che la disfunzione fosse respinta come un problema psicologico senza una corretta comprensione dei sintomi sessuali o delle specifiche del problema originale:

"Ho un disturbo ossessivo-compulsivo lieve, ma il disturbo ossessivo compulsivo non ha mai reso intorpiditi i miei genitali, o fatto avere orgasmi senza piacere, o zero desiderio sessuale” (P25)

C'era anche la preoccupazione che la linea temporale degli eventi fosse ignorata, e in particolare il fatto che i partecipanti avevano un funzionamento sessuale completamente normale prima del trattamento:

"Molte volte ho detto loro che durante la depressione non avevo mai avuto problemi riguardo alla mia attività sessuale" (P12)

Un altro partecipante ha fatto eco a questo punto osservando che durante "gli alti e bassi della vita", non aveva mai avuto problemi sessuali "fino a quel giorno di prendere la prima pillola". (P31)

Un partecipante ha ritenuto che il medico non fosse riuscito a comprendere l'impatto della condizione:

“Non credo che abbia colto la gravità della situazione. Quasi come se fosse solo un inconveniente minore per me.” (P6)

Alcuni hanno scoperto che gli operatori sanitari non erano completamente disposti a risolvere il problema, con uno che ricorda un'esperienza scomoda con un urologo:

"Ogni volta che ho sollevato il discorso sulla mia perdita sessuale e la cronologia degli eventi per quanto riguarda l'antidepressivo, mi ha ignorato. Non ha nemmeno detto che ho sbagliato a incolpare le medicine, non ha nemmeno riconosciuto ciò che stavo dicendo. Sembrava non avere interesse per la mia disfunzione sessuale del tutto. Il suo totale disprezzo mi ha fatto sentire non solo nella situazione di dover affrontare la mia perdita sessuale, ma anche un sistema che non stava ascoltando.” (P43)

Un altro ha descritto esperienze inutili con psichiatri:

“Ho visitato diversi psichiatri per discutere di PSSD. Uno [ . . . ] ha dichiarato la PSSD impossibile e mi ha suggerito di essere asessuale e traumatizzato. Un altro non poteva impegnarsi con l'idea che lo SSRI potesse avere un impatto a lungo termine, fingendo invece di non ascoltarmi o passando a un altro argomento di conversazione. Questa è stata un'esperienza surreale.” (P53)

Ad alcuni partecipanti è stata data l'impressione che i medici non volessero conoscere la condizioneo "volevano tenere questo argomento lontano da loro". Un partecipante ha riferito che un medico ha dichiarato:

“Ho notato dalle tue cartelle che hai parlato di questo con alcuni altri medici qui. Penso che non dovresti continuare a parlarne.” (P25)

Un altro ha notato una riluttanza nell'implicare gli antidepressivi:

“C'è molto silenzio. Quasi come se avessero paura di ammettere che gli antidepressivi hanno causato tutto questo.” (P14)


3.4. Risposte insensibili

Nonostante la natura sensibile della condizione e il grave impatto che può avere, ci sono state descrizioni di risposte non simpatiche o inadeguate da parte dei medici.

Un partecipante ha descritto l'esperienza di "disfunzione erettile e intorpidimento del mio pene" durante l'assunzione di un antidepressivo. Ha detto che nessuno dei sintomi esisteva prima che gli fosse prescritto il farmaco, ma erano rimasti nonostante avesse sospeso gradualmente il farmaco mesi prima:

“Ho visitato il mio psichiatra [. . . ] sotto la cui supervisione ho preso il farmaco per 8 anni e quando l'ho informato delle mie disfunzioni sessuali persistenti, ha detto che stavo parlando di assolute stupidaggini ed erano i miei costrutti psicologici.” (P42)

Un altro ha riferito che il suo medico di famiglia "ridacchiava della disfunzione sessuale". Ha successivamente discusso il suo problema con uno psichiatra:

"Ha detto che non aveva mai sentito parlare di questo problema prima. Quando ho descritto esattamente come [l'antidepressivo] mi aveva colpito sessualmente, cioè mancanza di libido e nessuna reazione alla stimolazione sessuale...lui rise di me e disse che ero molto fortunato se avevo sperimentato quel livello di libido prima.” (P36)

Sono stati segnalati casi in cui i medici si sono messi sulla difensiva o si sono arrabbiati. Un partecipante ha parlato al suo psichiatra prescrittore riguardo il problema nei mesi successivi all'interruzione dell'antidepressivo:

“Mi ha trattato come se stessi inventando tutto o volessi incastrarlo. Sembrava più investito nell'evitare di essere incolpato che per il mio benessere.” (P47)

Le partecipanti di due diversi paesi hanno descritto di aver ricevuto commenti dai ginecologi che suggerivano un cambio di partner:

“Ho chiesto al mio ginecologo di prescrivere esami del sangue per me, anche se aveva anche detto che era tutto nell mia testa e che avrei dovuto cambiare ragazzo.” (P39)

“Ho detto al mio ginecologo che ho problemi con la libido e il funzionamento sessuale. Ha risposto che "i tuoi primi sintomi della depressione stanno tornando (non mi era stata diagnosticata la depressione) o forse dovresti cambiare partner"." (P7)

Due partecipanti hanno riferito di aver chiesto un cambiamento nella terapia mentre erano originariamente sull'antidepressivo a causa degli effetti collaterali sessuali, ma hanno ricevuto un rifiuto:

“Ha detto che non è interessata ai miei problemi sessuali e non lo considera un problema importante. Le ho chiesto di cambiare le medicine, lo ha rifiutato in termini più forti.” (P45)


3.5. Suggerimento di riprendere i farmaci

Diversi partecipanti hanno riferito di essere stati invitati a riprendere gli antidepressivi:

“L'ho detto alla mia psichiatra quando avevo smesso le pillole e ho notato che dopo 2 mesi la mia sessualità non era tornata, disse che era impossibile e poi iniziò a dire che dovevo riassumere il farmaco in quanto stavo diventando paranoico sull'argomento.” (P3)

Due partecipanti hanno riferito di aver ricevuto antipsicotici in quanto gli era stato detto che il loro problema era psicosomatico:

"Due degli psichiatri che pensavano che il mio problema fosse psicosomatico mi hanno dato l'antipsicotico [. . . ] Anche un terzo psichiatra che era quello che mi aveva dato l'antidepressivo pensava solo che il mio problema fosse psicosomatico, ma dopo 2 visite ha avuto l'idea che avrei dovuto fare una terapia elettroconvulsiva per risolvere il problema.” (P33)

"Mi hanno fatto esami del sangue, controllato gli ormoni e mi hanno inviato a un urologo [...] ma ogni cosa andava bene così mi hanno spiegato i miei sintomi come psicosomatici, quindi mi hanno prescritto prima trazodone + bupropione, poi aripiprazolo, senza alcun miglioramento.” (P24)


3.6. Risposta alla letteratura medica pubblicata

Trentotto partecipanti (61%) hanno portato la letteratura medica sulla PSSD alle consultazioni, riferendo in alcuni casi che è stato utile ad aumentare la consapevolezza della condizione:

"Il mio GP ha creduto in quello che le ho mostrato" (P11)

"Ha iniziato a credermi." (P17)

"Il mio dottore ha riconosciuto che era la seconda volta che sentiva di questa cosa" (P37)

Altri hanno avuto un parziale successo dopo aver fornito la letteratura, ma hanno notato che il loro medico era rimasto scettico:

“Alla fine mi ha creduto. Ma ha detto che non poteva aiutarmi e non era ancora sicuro al 100%." (P32)

Molti partecipanti hanno avuto risposte negative:

"Si sono rifiutati di leggerlo" (P10)

"La maggior parte dei medici a cui l'ho dato non ha nemmeno guardato." (P23)

"Il GP ha affermato che gli antidepressivi non causano disfunzione sessuale persistente o permanente. Ha anche detto che gli antidepressivi non causano alcun effetto per 4-6 settimane nonostante mi avessero dato effetti collaterali sessuali lo stesso giorno della prima pillola. Ha affermato che non poteva accadere e quando ho posto gli argomenti in letteratura non era interessato a vederli e ha usato il termine ciarlatani da Internet” (P31)

Un partecipante ha descritto l'invio di un'e-mail alla sua psichiatra con “un paio di link a studi medici e recensioni sulla PSSD”, ma ha deciso di non vederla più dopo aver ricevuto ciò che ha descritto come una "risposta incredibilmente aspra":

"Se desideri avere una tale "sindrome" continua quello che stai facendo... leggi oscuri studi e recensioni in oscuri database e ti posso garantire che lo avrai fino alla fine del tua vita!” (P45)

Un partecipante di un paese non di lingua inglese non ha portato la letteratura pubblicata a una consultazione perché "è difficile trovare un medico di lingua inglese".


3.7. Mancanza di trattamento

Alcuni hanno sentito di essere stati ascoltati ma sono rimasti delusi dalla mancanza di opzioni terapeutiche:

"Lo accettano, ma non possono aiutare." (P17)

"Il mio medico mi ha ascoltato ma non è riuscito a trattare la PSSD anche in tre anni." (P16)

“Ho parlato con due medici di base e ho anche fatto riferimento all'urologo locale. Sebbene comprensivi, nessuno di quelli visitati è stato in grado di aiutare.” (P58)

Nonostante l'incapacità di porre rimedio al problema, un partecipante ha riconosciuto che la propria esperienza con gli operatori sanitari era stata positiva rispetto ad altre esperienze di cui era a conoscenza: “Non potevano aiutarmi perché oggi non esiste una cura. Penso di essere stata "fortunata" con loro se li confronto con molti professionisti che semplicemente negano o prendono in giro." (P1)


3.8. Non parlarne più

Alcuni partecipanti hanno riferito di non menzionare più la PSSD agli operatori sanitari a causa di ripetuti dinieghi della loro condizione:

“Ho parlato con 3-4 diversi psichiatri, alcuni psicologi e alcuni medici di base. Ho PSSD da oltre dieci anni, quindi non ricordo i numeri esatti. [. . . ] Oggi io non mi preoccupo più di sollevare questo problema con i miei medici perché è sempre stato vano."(P4)

“Ho lasciato cadere il problema poiché ogni operatore sanitario sembra inutile e ignorante rispetto al tema” (P39)

A causa della mancanza di cure, c'era la sensazione che non si potesse ottenere nulla continuando a cercare assistenza medica:

“Mi ha detto di tornare se le cose non fossero andate meglio. Ma non sono tornato, perché so che non ha cura per me.” (P6)


3.9. Impatto di risposte invalidanti

Gli incontri con gli operatori sanitari sono stati descritti come una "grande battaglia" e "umilianti". I partecipanti hanno descritto di sentirsi "frustrati" e "indifesi".

“Sono molto insoddisfatto e ritengo che la maggior parte degli operatori sanitari non sia assolutamente disposto neanche ad ascoltare la mia storia. È molto difficile parlare con loro.” (P52)

Le smentite e la mancanza di supporto si sono aggiunte all'angoscia di avere la condizione: “Sentire ripetutamente di non essere creduto ha aumentato in modo significativo il disagio che convivere con la PSSD ha avuto su di me ed è stato quasi angosciante come vivere con la condizione stessa." (P25)

Un partecipante ha dichiarato di essere "disgustato" per le interazioni che avute con i medici in merito alla PSSD, e di essersi sentito "insultato" e "preso in giro". C'era anche rabbia per non essere stato informato del rischio quando l'antidepressivo era stato prescritto la prima volta:

“Sono piuttosto arrabbiato con i dottori che ho visitato finora, ma soprattutto con il mio psichiatra che non mi ha nemmeno informato sui possibili effetti collaterali a lungo termine che la pillola può causare. Non ho mai avuto problemi con il mio funzionamento sessuale prima di assumere il farmaco e non penso che l'anestesia genitale possa essere considerato un sintomo della depressione.” (P7)


4. Discussione


I vincoli temporali, i problemi di riservatezza e la natura sensibile della condizione segnala che il campione di individui qui è un sottoinsieme di quelli interessati e in contatto con RxISK, che a sua volta è un sottoinsieme di quelli colpiti dalla condizione. Non abbiamo motivo di credere tuttavia che quelli che rispondono qui siano atipici rispetto al più vasto universo di pazienti con PSSD. Il motivo per intraprendere questo sondaggio deriva dalla consapevolezza che risposte cliniche come queste non erano atipiche per i pazienti con PSSD e in effetti non sono atipiche per i pazienti con effetti avversi in generale.

Esistono due modi per visualizzare alcune delle risposte. Uno è che sono reazioni comprensibili da parte dei clinici, dato che il farmaco che si afferma di aver innescato il problema potrebbe essere fuori dal corpo del paziente per mesi o anni, dato anche che non esiste un modo pronto per la maggior parte dei medici di esaminare il problema dichiarato, e infine dato che i pazienti presentano lo stigma di un problema nervoso.

Una visione alternativa è che l'apparente improbabilità di un legame tra il trattamento e la condizione, o di essere in grado di stabilire il legame, suscita un pregiudizio clinico latente verso i pazienti che potrebbe non emergere in altri incontri clinici.

Nel 1991, difendendo il Prozac sulla scia di convincenti case reports su suicidi indotti dal farmaco, Eli Lilly ha presentato processi aziendali contro case reports, invitando medici e pubblico a decidere se credevamo agli aneddoti o alla scienza. Da allora, è stato più difficile per i medici interagire con pazienti che segnalano eventi non presenti nell'etichetta del farmaco. Di conseguenza, una serie di problemi dai disordini del controllo degli impulsi sugli agonisti della dopamina, alla suicidalità aumentata dagli antidepressivi ora richiedono decenni per essere accettati clinicamente, quando, prima del 1991, sono stati accettati significativi nuovi effetti collaterali con un anno o due dai primi rapporti.

Sebbene i casi convincenti rimangano fondamentali per i criteri legali per stabilire la causa e l'effetto, le riviste mediche smisero di pubblicare case reports e si dedicarono a studi controllati e meta-analisi degli studi clinici. Bollettini sui farmaci, una fonte di informazioni sugli eventi avversi prosciugata, mentre i medici erano sempre più forniti di linee guida che riguardano principalmente i benefici dei trattamenti e non i loro effetti avversi.

Questi dati suggeriscono che un ulteriore studio delle opinioni dei medici sugli eventi avversi, il merito di approvarli e come stabilirli, sono garantiti. I medici generalisti sono probabilmente nella posizione migliore per intervenire alla prima opportunità in caso di suggerimenti di un problema, e anche nella migliore posizione in termini di accesso a database ed esperienza clinica per individuare trattamenti che prevengano lo sviluppo di condizioni come la PSSD o che migliorino le difficoltà una volta che si sviluppano.


Ringraziamenti


Gli autori desiderano ringraziare tutti coloro che hanno contribuito a questo articolo fornendo i dettagli delle loro esperienze.


Conflitto d'interesse

Tutti e tre gli autori sono collegati a RxISK.org. Nessuno ha consulenze o altri collegamenti a gruppi con un interesse per questi risultati.


Finanziamento

Questa ricerca non ha ricevuto alcuna sovvenzione specifica da alcuna agenzia di finanziamento pubblica, commerciale o di settori no profit.


Riferimenti


[1] Bolton JM, Sareen J, Reiss JP. Anestesia genitale persistente sei anni dopo l'interruzione della sertralina. J Sex MaritalTher. 2006; 32 (4): 327-30.
[2] Csoka AB, Shipko S. Effetti collaterali sessuali persistenti dopo l'interruzione di SSRI. Psychother Psychosom. 2006; 75 (3): 187-8.
[3] Bahrick AS. Disfunzione sessuale post SSRI. Società americana per l'avanzamento della farmacoterapia. Tavoletta.2006; 7 (3): 2-3,10-11.
[4] Hogan C, Le Noury J, Healy D, Mangin D. Centoventi casi di disfunzione sessuale persistente a seguito ditrattamento. Int J Risk Saf Med. 2014; 26 (2): 109-16.
[5] Healy D, Le Noury J, Mangin D. Disfunzione sessuale duratura dopo trattamento con antidepressivi, 5a-reduttasiInibitori e isotretinoina: 300 casi. Int J Risk Saf Med. 2018. doi: 10.3233 / JRS-180744
[6] Lareb, Centro di farmacovigilanza olandese. SSRI e disfunzione sessuale persistente 2012. Disponibile da:http://databankws.lareb.nl/Downloads/KWB 2012 3 SSRI.pdf . Accesso al 1 giugno 2017.
[7] American Psychiatric Association: Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, 5a ed. Arlington, VA:American Psychiatric Association; 2013. pp. 449.
[8] Lilly. Informazioni sul prodotto US Prozac, pagg. 14 [Internet]. Disponibile da: http://pi.lilly.com/us/prozac.pdf . Accesso al 14 maggio 2017.
[9] Healy D. Citizen Petition: effetti collaterali sessuali di SSRI e SNRI. Int J Risk Saf Med. 2018; 29 (3-4): 135-47