21 settembre 2019

Le Lanceur: Prozac, Zoloft, Deroxat ... Problemi sessuali dopo l'interruzione del trattamento (4 luglio 2019)

4 luglio 2019 Di Ludovic Séré


Foto scattata il 10 luglio 2001 dell'antidepressivo "Prozac", uno dei 150 farmaci colpiti dal calo del prezzo dei farmaci. Tali riduzioni riguarderanno già "farmaci ammortizzati il ​​cui volume e crescita sono elevati" e quelli "il cui servizio medico reso (SMR) è stato considerato insufficiente" e entreranno in vigore a partire da settembre. I negoziati sono ancora in corso con i laboratori. Questa misura mirata ai farmaci più costosi "costerà circa 1 miliardo di franchi ai laboratori", ha affermato Bernard Lemoine, vicepresidente aggiunto dell'Unione nazionale dell'industria farmaceutica (SNIP). FOTO AFP: JACK GUEZ (foto di JACK GUEZ / AFP)


I disturbi sessuali dovuti all'assunzione di antidepressivi possono persistere o apparire "anche dopo l'interruzione del trattamento", secondo un comitato dell'Agenzia europea per i medicinali.

Gli effetti collaterali erano già noti e segnalati in particolare da un sondaggio di Ariane Denoyel per Lyon Capitale, ma il Comitato per la valutazione dei rischi in farmacovigilanza (PRAC) ha ammesso in un rapporto datato martedì 11 giugno che i disturbi sessuali potrebbero "durare a lungo in alcuni pazienti anche dopo l'interruzione del trattamento".

Questa è una petizione lanciata da RxISK, un sito specializzato negli effetti collaterali dei farmaci creati dallo psichiatra e farmacologo irlandese David Healy, che ha spinto l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) a condurre questo studio. I ricercatori hanno fatto affidamento sulle testimonianze dei pazienti raccolte e fornite da RxISK. Secondo David Healy, i rischi sono "perdita di sensazioni genitali, seguita da perdita di funzionalità sessuale e perdita di libido".

Nello specifico, si tratta di disfunzioni sessuali correlate a SSRI (inibitori selettivi del reuptake della serotonina) o SNRI (inibitori di serotonina e norepinefrina) che vanno dalla riduzione del desiderio sessuale all'anestesia genitale completa. Alcune donne hanno anche la sindrome da eccitazione genitale persistente (PGS) come condizione permanente preorgasmica. Precedentemente chiamato "sindrome dell'eccitazione sessuale persistente", il nome è cambiato perché la nozione di desiderio sessuale non è coinvolta. Negli uomini, questo può provocare erezioni lunghe e dolorose.

David Healy afferma che "i problemi possono iniziare durante il trattamento ma anche dopo l'interruzione del trattamento". E aggiunge: "La disfunzione sessuale presente durante il trattamento può diventare molto più grave dopo l'interruzione del trattamento."
 


Il PRAC ha studiato gli effetti collaterali di 12 antidepressivi (duloxetina, fluoxetina, citalopram, vortioxetina, escitalopram, fluvoxamina, sertralina, desvenlafaxina, paroxetina, venlafaxina, milnacipram e clomipramina) e ha concluso che la disfunzione sessuale può persistere o insorgere dopo l'interruzione del trattamento per un periodo indeterminato.


Un rapporto non vincolante


Il rapporto raccomanda che otto laboratori aggiornino i fogli illustrativi e i riassunti delle caratteristiche del prodotto (CPR, l'equivalente dell'inserto professionale) di 12 farmaci per aggiungere "disfunzione sessuale persistente con sintomi che possono persistere nonostante l'interruzione di SSRI o SNRI" nella categoria degli effetti collaterali.

Contattate da noi, solo quattro aziende hanno accettato di rispondere. Lilly Laboratories, che vende in particolare Prozac, ha indicato che "è in corso una modifica sintetica delle caratteristiche del prodotto per fluoxetina e duloxetina a seguito dei risultati del PRAC". GSK ha spiegato che non aveva "nulla da condividere su questo argomento". I Lundbeck Laboratories stanno "adottando tutte le misure necessarie" per aggiornare i fogli illustrativi dei loro medicinali, Seroplex e Seropram, "il più presto possibile" e in termini "sottoposti alle autorità di regolamentazione" senza specificare esattamente quando .

Pierre Fabre ha dichiarato da parte sua di "depositare una variazione prima dell'11 agosto 2019" per un'apparizione sulle nuove scatole di farmaci, milnacipran, "che seguiranno rapidamente". Apparirà su nuovi registri e RCP la nozione di "disfunzione sessuale può durare nonostante l'interruzione del trattamento". La ditta afferma che la procedura non è "nulla di eccezionale" e che devono seguire le raccomandazioni del PRAC "entro due mesi dalla pubblicazione".

Mentre il rapporto raccomanda di aggiornare i volantini, non obbliga i laboratori a seguire questa raccomandazione. Per il sessuologo Gilbert Bou Jaoudé, la pubblicazione dell'EMA ha un'utilità a più lungo termine. "L'interesse di questo rapporto è di suscitare la curiosità di alcuni ricercatori che stanno per studiare, e quindi tra qualche anno avremo abbastanza prove per un secondo rapporto in cui l'EMA richiederà l'aggiornamento dei registri."



"I laboratori seguiranno sicuramente la raccomandazione"


Questo è ciò che è accaduto, ad esempio, per la finasteride, meglio conosciuta con il nome commerciale Propecia o Proscar. "Gli uomini che hanno assunto il farmaco per la perdita dei capelli hanno sviluppato sindromi come impotenza, difficoltà a provare piacere e depressione", afferma il dottor Bou Jaoudé. Per molto tempo, i medici hanno ritenuto che gli effetti collaterali fossero degressivi. "Ci sono voluti anni per rendersi conto che gli effetti potevano persistere a lungo dopo l'interruzione o non regredire mai." Pertanto, per tre anni, l'EMA richiede che la dicitura "dopo l'interruzione del trattamento" sia specificata sul foglio illustrativo della finasteride per disfunzione erettile, bassa libido ed anomalie dell'eiaculazione.

Per il dott. Bruno Toussaint, direttore della rivista medica indipendente Prescrire, i laboratori "seguiranno sicuramente la raccomandazione" anche se "letteralmente, non è obbligatorio". Propone l'argomentazione legale: "Quando la reazione avversa viene aggiunta alla documentazione, i pazienti non possono più rivoltarsi contro l'azienda, a cui piace poter dire che rispetta le raccomandazioni."

Rimane la questione del tempo. Per Bruno Toussaint, gli aggiornamenti degli avvisi dovrebbero essere fatti "nei mesi seguenti anziché negli anni". Spiega: "Quando un farmaco è appena arrivato sul mercato, i laboratori non comunicano gli effetti indesiderati perché devono vendere molto e rapidamente per renderli redditizi. L'argomento non è valido per un antidepressivo che è stato venduto per molti anni e il cui generico esiste già."
 
 



Difficoltà nel rilevare disturbi sessuali dopo l'interruzione del trattamento


Secondo l'andrologo Pierre Desvaux, "il 40% dei depressi soffre di disturbi sessuali" e "il 60% dei depressi trattati soffre di disturbi sessuali". Sottolinea la difficoltà per i pazienti di parlare di disturbi sessuali. "Le persone non devono esitare a parlare dei loro problemi di sessualità o non andremo avanti ..."

Pazienti che non osano parlare e dottori che non fanno nemmeno la domanda. Secondo il dottor Bou Jaoudé, "tra i medici che non lo mettono in discussione e i pazienti che non ne parlano, probabilmente c'è una sottovalutazione di questi fenomeni".

E questo non conta i sintomi che si verificano dopo l'interruzione del trattamento. "Il dottore tende a perdere di vista il suo paziente ...", si rammarica il sessuologo. Secondo lui: "I medici, soprattutto in Francia, non sono abituati a dichiarare un effetto collaterale dopo l'interruzione del trattamento. Per loro, se un trattamento viene interrotto, ci sono più motivi per avere effetti collaterali correlati a questo trattamento. È persino qualcosa che impariamo all'università. Ci viene insegnato per una medicina sono tre giorni, per un'altra sono 24 ore ... "



Una piattaforma di teleconsulto per la libertà di parola


Il sessuologo Gilbert Bou Jaoudé è anche coordinatore scientifico di una piattaforma internet, charles.co, lanciata a maggio 2019. "Avevamo commissionato un sondaggio Ifop che mostrava che sei uomini su dieci in Francia soffrivano di disfunzione erettile e sappiamo che solo il 25% di loro si consulta", spiega il medico. Il sito web consente agli uomini di prenotare una consultazione su Internet, entrare in contatto con un sessuologo e, in caso di prescrizione medica, ordinare farmaci da recuperare in farmacia o ricevere a casa.

Teleconsulti che liberano la parola e limitano comportamenti rischiosi come l'acquisto di medicinali contraffatti su Internet senza consultazione. "Abbiamo raggiunto 1.000 consultazioni in otto settimane, inclusa la maggior parte dei consulenti per la prima volta", afferma il dottor Bou Jaoudé. E se la piattaforma fosse lanciata "specialmente per gli uomini", una sezione riservata alle donne dovrebbe vedere la luce del giorno entro la fine dell'anno.
 



Fonte: https://www.lelanceur.fr/prozac-zoloft-deroxat-des-troubles-sexuels-apres-larret-du-traitement/